Gregucci pronto a farsi da parte: “Mi assumo le responsabilità. Sono pronto a raschiare il barile, ma se si vuole vado via”

Angelo Adamo Gregucci non si nasconde, assumendosi tutte le proprie responsabilità, mostrandosi pronto a mettersi da parte, mettendoci la faccia senza colpo ferire, lasciando le eventuali scelte alla società.”Per me la prossima partita è da finale di champions League. Io ho allenato anche squadre scarse ma avevano un’identità che non riconosco. Sono disposto a raschiare il barile anche di più, se sono io il problema posso anche andare via domani o se mi chiede a Maggio, vado via a fine campionato. Credo che in questo momento non posso parlare dei giocatori che non sono a mia disposizione in rosa. Chi è infortunato, chi ha avuto problemi al tendine, altri giocatori che hanno soste lunghe dovute ad infortuni. Odjer erano tre mesi che non disputava una partita. Minala e Calaiò dovevano essere messi in condizione. Sono ostinato, questa squadra cambierà il rendimento. Nel raschiare il barile voglio più combattimento e più coraggio che vuol dire andarsi a suicidare se ce n’è bisogno. Se c’è da prendere i fischi voglio che ognuno dei miei calciatori sia pronto a metterci la faccia. La squadra deve avere un Dna diverso. Non mi va di perdere le partite per regali.”

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *