Ceravolo e l’irreale obiettivo estivo: emergono i primi scenari della “trattativa”

Più che di trattativa di calciomercato s’è trattato di una reale “non trattativa”. La Salernitana di Colantuono nel corso della sessione estiva del calciomercato non è stata mai vicina all’attaccante Fabio Ceravolo, di poi, vagamente ricercato nel corso della tre giorni della campagna trasferimenti invernale senza successo. L’attaccante ex Benevento sarebbe stato proposto dal direttore sportivo Angelo Mariano Fabiani al tecnico Colantuono per “flautus vocis”, nel giro di 24 ore, senza che di poi, la squadra granata si facesse avanti, avanzando una reale e concreta trattativa per portare all’ombra dell’Arechi il forte attaccante. A differenza di altri calciatori giunti a Salerno, infatti, la “belva”, lanciata nel calcio che conta dal tecnico di Anzio in quel di Bergamo, a suffragio dell’assenza di un interessamento concreto da parte della società granata, non avrebbe neppure alzato la cornetta per notiziare il suo ex tecnico dell’arrivo a Salerno, di fatto, mai stato cullato dalla punta del Parma, ignara di un’idea balenata nella mente della Salernitana e tramontata sul nascere, essendo di poi giunti Djuric e Vuletich a “rafforzare” l’asfittico attacco granata.

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *