Tutti sotto “processo” tranne uno….

“Tranne, te…” canta Fabri Fibra nel ritornello che torna sempre più in voga nel corso dei soliti periodi di magra della squadra granata. Questa volta a confermare lo scarica barile è il medesimo progettista, ideatore e costruttore della squadra granata. “Volete sapere chi salvo dopo la prestazione di Perugia? Nessuno”, queste le dichiarazioni rilasciate dall’esperto Angelo Mariano Fabiani nel corso di un’intervista al Mattino. E’ dunque tutta colpa della squadra, non di chi ha ingaggiato giocatori fisicamente a terra, mancanti del ritmo partita. In fondo è colpa di Minala se non giocava da sei mesi o di Calaiò se non riesce a reggere tre partite di fila dopo una prima parte di campionato passata in naftalina. Con il Cittadella il ripulisti era cominciato a partire dal “manico”, al tempo Stefano Colantuono: “devo dire che dopo 10^ avevo già capito che la squadra aveva abbandonato il tecnico”. Una volta sono i fattori imponderabili, l’altra gli arbitraggi, poi gli infortuni ora la responsabilità è dei giocatori non di chi li sceglie. E’ proprio vero: tutti sotto processo tranne, il “grande”, “irreprensibile” talent scout Fabiani

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *