Salernitana da play off, magari da disputare al… “Del Duca”

Altro giro, altra corsa. E’ bastata una semplice vittoria dopo circa un mese di astinenza, prestazioni al limite del decoro, per ritornare a parlare attraverso i canali ufficiosi di grandi progetti, possibili scenari di cambiamento delle Noif (da tempo sussurrati e mai neanche toccati in consiglio federale), per sperare di ritornare a (ri)prendersi una fetta cospicua di benemerenza. E’ bastata una vittoria nel “catino” del Del Duca per convincersi che si possa riottenere i fasti di un tempo, riguadagnare l’affetto e la stima dei salernitani. Quattro anni cancellati con un poker bello in trasferta ma assunto a raggio di sole in una stagione che ricalca la mediocrità degli anni passati (almeno fino ad ora). Si fa gioco sulla classifica attuale, sullo stazionare vicino alla linea maginot dei play off, quella stessa che tempo addietro ogni qualvolta sembrava esser vicina, clamorosamente si allontanava per colpa dei fattori imponderabili. Ora tutti a salire sul carro dei “paventati” vincitori per poi, chissà, a Giugno lasciarsi andare alla fatidiche frasi di compensazione ed alle recriminazioni per i torti arbitrali o i costanti infortuni che ogni anno frenano giocatori “campioni” diventati, di poi, brocchi a Salerno per effetto delle pressioni di giornalisti non “assoldati”. Tutto secondo copione. Quest’anno, tuttavia, i play off sono lì, davvero ad un tiro di schioppo e, visto che l’Arechi sta diventando un fardello insostenibile, forse la Salernitana farebbe bene a pensare di disputare gli stessi al “Del Duca”, campo amico da ormai quattro anni ai colori granata…

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *