La papera di Micai finisce su Striscia la Notizia. La storia insegna che l’alternanza in porta…

Alessandro Micai è stato il colpo ad effetto del calciomercato estivo. La Salernitana dopo aver abbandonato l’idea Radunovic, ingaggiato dalla Cremonese a seguito di un lungo corteggiamento da parte del direttore generale granata, ha virato con decisione sull’ex estremo difensore del Bari, svincolatosi dalla società pugliese a seguito dell’iscrizione e conseguente esclusione dal professionismo. Ebbene, dopo le prime parate salva risultato con il Verona ed il Perugia, Micai partendo dal match di Venezia, ha cominciato a calare il proprio rendimento. Con il Lecce il tiro non resistibile dal limite dell’area di rigore è stato accompagnato in porta con un’estensione delle due mani crollate come lama nel burro rispetto ad una conclusione non apparsa irresistibile. Nel match con il Benevento, l’intervento in tuffo con torsione di polso, ha determinato un clamoroso infortunio, spedendo la sfera in fondo al sacco invece di accompagnarne la traiettoria fuori dalla linea di fondo. Il video che ha ripreso lo sventurato gesto dell’estremo difensore è già divenuto virale essendo stato ripreso dal tg satirico Striscia la Notizia. Ora spetterà a Gregucci ripristinare la stima nel proprio estremo difensore dato che la storia (alternanza Strakosha-Terracciano e Berardi-Iannarilli) insegna come l’alternanza tra portieri, soprattutto a Salerno, determini la distruzione psicologica di entrambi piuttosto che il rilancio di uno dei due. Il rischio di restare senza un custode affidabile la Salernitana, davvero, non se lo può permettere…

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *