La serie B debutta su Dazn. I presidenti si “tutelano”

Non buona la prima… Più ombre che luci ha espresso la prima giornata di campionato targata Dazn. La trasmissione delle gare, valevoli per la prima giornata del campionato di serie A, ha lasciato “interdetti” molti tifosi, desiderosi dopo un mese e mezzo di astinenza dal campionato, di risedersi dinanzi alla tv per poter assistere al debutto della propria squadra del cuore. Ebbene, da quest’anno, con l’uso della connessione in fibra ottica via wirless, l’assenza di “condutture” idonee a sostenere l’ipertrofia del sistema per effetto della grande massa di utenti, ha determinato come diretta conseguenza lo “stop” del segnale proprio sul più bello o il ritardo (evidente) sul live nel momento clou della ripresa di un assist, un goal o di un’azione pericolosa. Già alquanto esteso è apparso il cono d’ombra sulla “prestazione” televisiva che, di fatto, a meno di una settimana dall’inzio del campionato di serie B, ha determinato qualche perplessità anche in seno ai presidenti della squadre militanti nella seconda serie italiana, tant’è che quest’ultimi hanno invitato il presidente della Lega B, Balata, a rivedere i criteri e le modalità di erogazione del servizio oggetto del bando aggiudicato a Dazn onde favorire una migliore e più satisfattiva usufruibilità del servizio da parte degli utenti: i tifosi.

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *