Casertana, mister Tedesco: “Lecce di categoria superiore. La nostra gente la nostra forza”

tedesco-300x174“Ci troveremo di fronte un grande avversario. Il Lecce è di categoria superiore per squadra ed organizzazione. Arriviamo a questa sfida dopo due vittorie consecutive che ci hanno permesso di trovare maggiore serenità e di risollevare il morale”. Presenta così la trasferta di Lecce il tecnico Andrea Tedesco: “Il Lecce vanta una rosa che farebbe invidia anche ad alcuni club di serie B. Ciò non toglie che noi proveremo a fare la nostra partita, facendo leva su quello spirito di sacrificio che deve essere l’arma su cui puntare sempre. Non dobbiamo dimenticare che siamo una squadra con molti giovani che si affacciano per la prima volta al calcio professionistico e che nelle scorse stagioni hanno militato in D o in settore giovanili di club professionistici. Insomma bisogna dare modo a questa squadra di lavorare e maturare. Siamo sereni anche se di fronte avremo la capolista del campionato e il migliore attacco. Dobbiamo essere un gruppo coriaceo, sempre e comunque; a prescindere da chi scende in campo. Le assenze fanno parte del gioco e non dobbiamo piangerci addosso”.

L’allenatore, poi, specifica quanto accaduto al termine della partita con il Taranto: “Vincere è stato importante, ma soprattutto una grande emozione che ho voluto condividere con i miei familiari ed amici; erano in venticinque in tribuna. Per questo mi sono girato verso di loro esultando. Le persone che mi sono vicine condividono con me sacrifici, sudore, gioie e dolori. Per questo il mio primo pensiero è andato a loro e mi sono voltato per festeggiare con loro. Dispiace che vengano mal interpretate le mie azioni. Sono cresciuto in questa società e da tre anni ho l’onore di lavorare per questi colori. Ho sempre avuto massimo rispetto nei confronti dei tifosi e sono sempre stato un loro amico, rendendoli partecipi di vittorie e sconfitti, facendoli protagonisti di questa Casertana. Ho sempre mostrato grande disponibilità nei loro confronti, quando mi fermano per strada o mi mandano qualche messaggio. Per questo certi gesti non mi appartengono. Ho letto di un mio presunto atteggiamento irriverente nei confronti della Tribuna. Mi spiace, ma non è così. Ho sempre ringraziato il tifo casertano per il suo grande apporto e lo ribadisco ancora una volta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *