IL PUNTO SULLA LEGA PRO

palloneAncora quattro partite da disputare o forse solo quattro partite da disputare …… points of view. Di certo 12 punti in palio per tutti. Purtroppo ancora una volta ci troviamo a fare i conti con classifiche riviste e rimodellate dalla giustizia sportiva e non dal campo, come invece dovrebbe essere nello sport. Notizie di ieri sono le penalizzazioni di 12 punti alla Reggina e di 8 punti al Novara, deferite a seguito di segnalazione della Covisoc per alcune irregolarità amministrative. Penalizzazioni che significano matematica retrocessione in serie D per i calabresi ed un salto nel vuoto dalla prima posizione alla quarta per la compagine piemontese, tutto ciò ovviamente in attesa dei rispettivi ricorsi già annunciati dalle Società.  Passando al calcio giocato, l’unico che vorremmo commentare, analizziamo i tre gironi di terza serie  procedendo con criterio geografico da Nord a Sud dell’italica penisola.

GIRONE A: dura lex sed lex …… Il Bassano lo sa bene e si gode il primato con 64 punti, inseguito dal Pavia a 63 (penalizzato di un punto), Alessandria 62 e Novara 59 (8 punti di penalizzazione). In coda si registra la presenza della Pro Patria ultima con 28 punti (1 punto di penalizzazione), ma non ancora spacciata in quanto distante di un sol punto dall’ultima piazza disponibile per evitare direttamente la D e giocarsela poi nell’inferno dei play out il cui tagliando d’accesso è al momento nelle mani di Albinoleffe (29), Pordenone (30), Lumezzane (31) e Monza (35 punti a seguito della penalizzazione di 6). In purgatorio al momento Renate, Torres e Mantova con 40 punti, in attesa di passare in paradiso e giocare un’ulteriore stagione in terza serie.

GIRONE B: un diavolo alla finestra …… Sono 7 i punti di vantaggio del Teramo (68) sull’Ascoli (61), prima agganciato e poi sorpassato dal Diavolo d’Abruzzo, mai così vicino nella sua ultracentenaria storia (102 per la precisione) alla promozione in serie B. Terzo posto occupato dalla Reggiana con 59 punti. Saluta al momento la possibilità di play off L’Aquila (54) in quanto la quota delle quarte negli altri due gironi è nettamente più alta, ma i calcoli nel calcio si fanno alla fine. La lotta salvezza nel girone centrale coinvolge ben 10 squadre. Quattro squadre a quota 39: Santarcangelo, Pistoiese, Grosseto e Gubbio. 4 squadre che a 4 giornate dalla fine sarebbero salve senza passare per i play out. Poco più su la Carrarese a quota 41, a cui servono almeno altri 3 punti per pensare alle meritate vacanze estive. Prato (37), Forlì (36), Savona (33) e Pro Piacenza (30) sono al momento le 4 che si giocherebbero i play out e il San Marino (29) a 4 dal termine sarebbe retrocesso. Quattro proprio come i ponti della Città di Teramo.

GIRONE C: Campania felix …… Da sempre si dice che i gironi del sud sono quelli più duri, più difficili, più caldi e forse non solo per le condizioni climatiche di miglior favore rispetto al resto della Penisola. Questo campionato sembra eterno, sottili equilibri spesso e soprattutto anche mentali sono il fattore determinante. Tanti i 12 punti in palio soprattutto in chiave promozione (spareggi inclusi) dove la lotta si fa avvincente. Comanda la Salernitana con ben 76 punti, record storico per la formazione granata oltreché miglior prima dell’intera categoria e dell’intero calcio professionistico ove mai fosse possibile un confronto tra categorie diverse. Nonostante ciò, Benevento staccato di sole 5 lunghezze e non disposto a mollare di un centimetro in una volata finale sempre più avvincente. Questione play off sempre più incandescente e che vede interessate Benevento (71), Juve Stabia (63), Matera (60), Foggia (57), Lecce (57), Casertana (56). L’unica certezza è che da questo girone uscirà senza alcun dubbio una delle due migliori quarte dei tre gironi di Lega Pro che si guadagneranno l’accesso agli spareggi. Detto della matematica retrocessione della Reggina, si avvia verso la definizione anche la griglia di piazzamento play out con Messina (29), Ischia (29), Savoia (27) ed Aversa Normanna (25) pronte a battagliare per evitare di abbandonare il calcio professionistico. Salvezza distante pochi punti per Paganese (35), Lupa Roma e Martina Franca (36).

Buon calcio a tutti!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *