Crac Img Costruzione: La procura di Roma chiede il rinvio a giudizio per Mezzaroma e Mancini

_DSC8080 (1)Bancarotta fraudolenta, che si sarebbe configurata mediante distrazione patrimoniali pari a circa 1 milione e 900 mila euro a danno delle casse della Img Costruzioni nel periodo intercorrente tra il 2006 ed il 2009.

Destinatari dell’accusa formulata all’esito delle indagini preliminari da parte della Procura di Roma con conseguente richiesta di rinvio a giudizio, risultano essere l’allenatore dell’Inter Mancini e l’attuale co-patron della Salernitana, Marco Mezzaroma

Analoga richiesta è stata avanzata anche per Umberto Lorenzini e Stefano Gagliardi.

La pubblica accusa ritiene fondati gli elementi probatori acquisiti nel corso delle indagini preliminari a carico di Mezzaroma e Mancini che,  seppur indirettamente,  sarebbero stati coinvolti nell’azienda fallita (pur non avendo azioni del pacchetto societario della stessa), attraverso un flusso di assegni bancari provenienti dalla IMG e negoziati da soggetti in qualche modo collegati ad entrambi.

Per l’accusa, inoltre,  Mezzaroma e Mancini avrebbero beneficiato del pagamento di fatture per operazioni inesistenti effettuate dalla Mastro s.r.l che dal 2008 al 2009 avrebbe versato circa 800.000 mila euro nelle casse della IMG Costruzioni al fine di ottenere la diminuzione dell’imponibile societario sul quale pagare le tasse.

Sulla richiesta della Procura, il Gup si pronuncerà il prossimo 20 Maggio, propendendo per l’assoluzione con la formula del non luogo a procedere o con il decreto di accoglimento dell’istanza di rinvio a giudizio: in quel caso Mezzaroma e Mancini dovranno difendersi dall’accusa in dibattimento

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *