Djuric dietro l’angolo. Crivello e la clausola del rinnovo:urge trattare con il Frosinone

Milan Djuric è ormai, a tutti gli effetti, il nuovo attaccante della Salernitana. La spilungona punta serba, reduce da una stagione in chiaro-oscuro nel campionato di seconda divisione Inglese, ha accettato con entusiasmo la proposta contrattuale, inviatagli, proprio nella giornata di ieri e sottoscritta dal “gigante” ex Cesena. Djuric nelle more rappresenta la prima punta in grado sulle palle aeree e per presenza fisica, di spizzare o garantire gli inserimenti di centrocampisti e compagno di reparto nell’area di rigore. La decisione di puntare tutto sull’attaccante serbo è stata “imposta” al tecnico Colantuono che, invero, si aspettava altro nel ruolo. Ma tant’è: il trainer granata dovrà lavorare sodo sul feeling con il goal da parte di Djuric, affetto nel corso della stagione agli archivi da una forma piuttosto intensa di pubalgia. Djuric ma non solo: la Salernitana avrebbe sondato anche Nenè: l’arrivo dell’ormai ex attaccante dello Spezia dovrebbe fungere da addio anticipato da parte di Riccardo Bocalon. Per quanto attiene il reparto difensivo, Colantuono vorrebbe adottare un sistema che preveda tre elementi al fine di valorizzare le qualità di Valerio Mantovani. Con Vitale sempre più al passo di addio e Pucino schierato da quarto o quinto di centrocampo su di una fascia non attinente al suo piede, si apre una voragine sull’out mancino che Fabiani starebbe per colmare con Roberto Crivello. L’esperto difensore ha da poco rinnovato con il Frosinone per effetto di una clausola che prevedeva la conferma in automatico del calciatore a seguito di promozione dei ciociari in massima serie.

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *