Djuric/De Luca da un lato. Montalto o Avenatti dall’altro. Salernitana e le trattative parallele…

Bogliasco (Genova), 05/07/2017
Sampdoria/Allenamento
Primo allenamento stagione 2017-18: Antonio Palumbo

Calciomercato parallelo: da un lato c’è un tecnico, Colantuono che tra mille difficoltà, dopo aver portato la nave in acque serene,  sta provando ad invertire totalmente il timone verso la normalità, pretendendo la costruzione di una struttura polisportiva in grado di assicurare una casa ed un punto di ritrovo sicuro e con tutti i confort del caso come si conviene ad una squadra professionistica. Ad oggi, grazie alle sollecitazioni del tecnico di Anzio, la Salernitana sta allestendo al “Mary rose” una struttura polivalente, evitando infortuni e spostamenti logistici continui, costosi e di gran lunga inficianti sul settore organizzativo da sempre assunto dai comproprietari quale fiore all’occhiello del club. Ebbene, dopo aver spinto la società a “patrimonializzare”, investire sul rettangolo verde per un futuro roseo, in funzione della costruzione dalle fondamenta di un settore giovanile avaro di soddisfazioni (Vignes e Novella a parte), il tecnico granata ha, fino ad ora, avuto un ruolo fondamentale nelle trattative di rafforzamento dell’organico. Jallow, Palumbo, Castiglia sono i principali marchi di fabbrica, il visto di Colantuono apposto sugli acquisti del club in reparti in cui mancano centimetri e qualità. C’è poi il mercato parallelo, quello in cui il direttore Fabiani si prodiga per portare all’ombra dell’Arechi, giocatori non di prima scelta: Djuric, De Luca sono l’esempio più emblematico. Accontentato per l’ingaggio di Jallow, al netto delle difficoltà in zona goal riscontrate lo scorso anno, il tecnico di Anzio ha richiesto fortemente l’ingaggio di due attaccanti. Prelevato in prestito con obbligo di riscatto (in caso di promozione in serie A dei granata?) dell’attaccante Jallow, la Salernitana è alla ricerca di una prima punta, e qui, le idee del diesse, secondo quanto per altro dichiarato in un’intervista rilasciata dallo stesso  al Corriere dello Sport-oggi in edicola- non sembrano proprio essere confacente ai desiderata del tecnico. Milan Djuric e Giuseppe De Luca rappresentano, per differenti motivi, due attaccanti non in grado di assicurare il fatidico salto di qualità: la storia ed il curricula dei calciatori lo dicono in modo inconfutabile. Il primo è attaccante di combattimento ma che ha nella realizzazione un vero e proprio optional. L’ex seconda punta di Bari, Atalanta, attualmente in forza alla Virtus Entella,  nonostante le innegabili doti, negli ultimi anni ha smarrito per strada il proprio talento. Tali motivi inducono il tecnico granata ad attendere fiducioso che si sblocchi la trattativa per Montalto ovvero che Avenatti del Bologna, guardandosi intorno, accetti di rilanciarsi per una stagione all’ombra dell’Arechi a seguito delle disavventure che ne hanno frenato le indubbie qualità fisiche. Djuric-De Luca da un lato, Montalto o Avenatti dall’altro: dalle scelte profuse si capiranno le reali intenzioni (almeno sulla carta) della società granata, di voler davvero innalzare il tasso tecnico della squadra. Per farlo non occorre sbandierare ai quattro venti la solita esclamazione della “Salernitana competitiva”, basta fare,  assicurare al tecnico Stefano Colantuono quei giocatori funzionali ad una specifica idea di gioco e, possibilmente, “idonei” all’attività fisica. La squadra allestita fino ad ora-secondo il nostro, modestissimo, parere- appare un mix di scommesse e giocatori alla ricerca del rilancio: se davvero s’intende far volare la Salernitana (ammesso che possa coltivare il sogno) non possono bastare il Djuric e De Luca di turno. Sic et simpliciter!!! In caso contrario, l’esperto di calciomercato ed il vincitore di numerosi campionati di serie B, non vada poi a cantarla ai soliti noti, asserendo che la negazione della massima aspirazione da parte del club rappresenti solo il cruccio dei soliti giornalisti poco avvezzi al dettato di scuola elementare…..

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *