Vicidomini ” Vi racconto di Vignes. Talento strepitoso. Per caratteristiche è un piccolo Breda”

Giovani talenti crescono, spiccano il volo, sognando la massima serie per effetto di sacrifici, dedizione e grande applicazione.  Tutto questo è accaduto ad Andrea Vignes (classe 2002), centrocampista dal grande talento, prodotto del settore giovanile della Salernitana che, da poche ore, ha coronato il sogno cullato da ciascun ragazzo, di provare a spiccare il volo verso una realtà che possa, in futuro, all’esito di importanti sacrifici, consentirgli l’approdo nel massimo campionato italiano. Ragazzo d’oro, dedito al sacrifico, con la testa sulle spalle ed un sinistro divino: ha la verticalizzazione nel sangue, il radar ai piedi ed è in grado di azionare lo spunto necessario per apporre la punta dinanzi al portiere avversario. Scoperto da Chicco Boccaccio Responsabile del settore giovanile della Salernitana tre anni or sono, Vignes ha da subito incantato, rappresentando un punto fermo della Nazionale di serie B di categoria. Vignes lascia la Salernitana per tentare e non lasciarsi scappare l’occasione della vita, andando a rinforzare il settore giovanile della formazione biancoceleste, affidata a mister Fabrizio Fratini. Ai nostri microfoni, l’agente di forte centrocampista, Roberto Vicidomini, ha ricostruito la genesi della trattativa che ha condotto il proprio assistito alla Lazio “La Salernitana ha provato a mantenere il calciatore che, ha la possibilità di potersi migliorare, beneficiare di quelle strutture necessarie a crescere ed esplodere definitivamente. Non ci fosse stata la Lazioprecisa Vicidomini il giocatore sarebbe stato probabilmente ingaggiato da altre squadre di massima serie che da tempo l’avevano posto nel mirino. Vignes è un talento naturale, ha un sinistro magico, è un play-maker molto strutturato ma in grado di verticalizzare con grande facilità la giocata. Per far comprendere agli sportivi, fatti i debiti paragoni, potrebbe nelle movenze, per ruolo e caratteristiche, essere paragonato a Breda, seppur strutturalmente siano due giocatori differenti“.  Vicidomini tra i tanti talenti, assiste anche il giovane Mattia Novella che, invero, ha già effettuato il proprio esordio (per 40^ di gioco) in maglia granata nell’ultimo match di campionato con il Palermo.  “Trattasi di un giocatore del 2001 sul quale la Salernitana punta. Non è un caso-continua l’agente- che Novella e Gaeta siano arrivati ad esordire e, non solo per sprazzi di partita, in prima squadra. C’è nella fattispecie l’interesse della società granata di puntare su due giocatori interessanti. Mattia come per il sottoscritto, ha realizzato il suo sogno di esordire all’Arechi che non è stadio nel quale tutti i calciatori possono giocare se non posseggono qualità e personalità. Tornando a Vignes, da agente sono contentissimo per il ragazzo e gli auguro il meglio. Chissà che Novella ed i suoi coetanei non possano coronare il medesimo sogno di approdare in massima serie, magari con la maglia granata. Perchè no?”…

Ennio Carabelli

Dal 2005 iscritto presso l'Ordine dei Giornalisti-Regione Campania, sezione pubblicisti. Laureato in Giurisprudenza. Ha svolto lavoro redazionale presso il quotidiano "Cronache del Mezzogiorno". Collaborazioni attive con il quindicinale "Arechi News". Direttore Responsabile del quotidiano sportivo on-line Vocesport.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *