Vocesport.com
Home

Rosina e quel “10” che campeggia… sulle esclusioni.Il fantasista salta anche Palermo

Dieci come il numero affidatogli da Giuseppe Sannino dietro le spalle, già a partire dalla prima amichevole disputata “pronti-via” a poche ore dall’annuncio del proprio ingaggio,in quel di Vallo della Lucania. Dieci le esclusioni dalla lista dei convocati alla stregua delle presenze racimolate a fatica da Alessandro Rosina in questa prima parte di stagione con la maglia della Salernitana, di cui soltanto due dal 1^. L’acquisto più atteso e costoso dell’era Lotito-Mezzaroma è durato neppure lo spazio di una stagione e mezza. Già a partire da quella in corso, Rosina fu oggetto di attenzioni del club di via Allende al fine di riscontrare sul mercato degli acquirenti “interessati”. Il contratto è di quelli “pesanti” (350 mila euro a stagione per altri due anni), tale da frenare sul nascere ogni tipo di accostamento da parte di formazioni di medesima serie o di categoria inferiore. La scelta più indolore sarebbe rappresentata dalla risoluzione consensuale con conseguente riduzione della “buonuscita” che, a fronte del lauto ingaggio, non potrà che portare un malus importante alla voce “spese” di bilancio. Di fatto, dopo l’esclusione per effetto di una fastidiosa tendinite al ginocchio, sanata in occasione dell’arrivo di Stefano Colantuono sulla panchina della Salernitana, a seguito della fiducia concessa al calciatore negli ultimi minuti “impalpabili” disputati con il Foggia, questa volta il co-patron Lotito ha manifestato senza mezzi termini le ormai già ben note intenzioni di terminare prima della fine naturale, il contratto ancora in essere “Non possiamo giocare sempre con un uomo in meno”, ha tuonato il co-patron granata non più tardi di 48 ore fa. Una vera e propria dichiarazione di sfiducia a fronte di un calciatore che mai, in granata, nonostante l’impegno è riuscito a fare la differenza. L’avventura di Rosina in granata è ormai agli sgoccioli, così come testimoniato dalla decima esclusione dai convocati per la gara del “Barbera”. Ora, alla stregua del fatidico e tortuoso “sì” ricevuto dal calciatore un anno e mezzo fa, occorrerà valutare se sarà meno complicato addivenire ad un divorzio, il meno dispendioso e “traumatico”-economicamente parlando-possibile. Ma tant’è, chi è causa del suo mal….

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares