Vocesport.com
Home

La “Palumbo” apre le porte alla Nazionale Femminile di pallamano

La Palestra Caporale Maggiore Palumbo apre le porte alla nazionale
femminile. Parte, infatti, proprio dalla città della squadra campione
d’Italia il cammino di avvicinamento delle Azzurre alle qualificazioni
ai Campionati Europei che si terranno in Francia nel 2018. La
Nazionale italiana si ritroverà a Salerno per uno stage che partirà
domenica 27 agosto per preparare, agli ordini del Direttore Tecnico
Riccardo Trillini, le due sfide in programma il 27 settembre a Lublin
contro la Polonia ed il 1° ottobre a Brescia contro il Montenegro. Ci
sarà anche tanta Jomi in occasione dello stage della nazionale
italiana femminile. Lo staff tecnico azzurro ha infatti convocato ben
sette atlete della formazione Campione d’Italia. Faranno parte della
comitiva azzurra i portieri Monika Prunster ed Elisa Ferrari, l’ala
sinistra Pina Napoletano, il terzino sinistro Ilaria Dalla Costa, la
centrale Valentina Landri, il pivot Antonella Coppola e la nuova
arrivata in casa Jomi Salerno, il terzino destro Rita Trombetta. Lo
staff tecnico guidato dal DT Riccardo Trillini sarà composto dal
tecnico Ernani Savini e dallo stesso team al lavoro anche con l’Italia
maschile: Paolo Baresi (portieri), Fabrizio Tassinari (preparazione
atletica) e Sergio Palazzi (statistica e video-editing). Singolare
coincidenza; Riccardo Trillini avvierà il nuovo ciclo da Direttore
Tecnico delle Nazionali Azzurre proprio da Salerno laddove, dopo la
formativa esperienza casalinga di Cingoli, cominciò la sua avventura
da tecnico professionista che l’avrebbe portato, poi, in giro per
l’Italia e in Europa. Accadeva esattamente 22 anni fa. “Grandissimi e
piacevolissimi ricordi – afferma il Direttore Tecnico azzurro. Lo
scopo dello stage – prosegue – è quello di utilizzare lo stesso
metodo di lavoro per fare in modo che i due settori, maschile e
femminile, non vadano a velocità diverse. La Federazione vuole dare
stessa importanza, stessa mentalità, stesso attaccamento alla maglia
azzurra. Sono state chiamate quasi le stesse giocatrici – prosegue lo
stesso Riccardo Trillini – che hanno disputato i Play-Off contro la
Serbia. Con loro vogliamo iniziare a impostare il nuovo corso, con
l’obiettivo prioritario, in questa prima fase, di lavorare sulla
mentalità. Più che l’aspetto tecnico-tattico, vogliamo valutare la
disponibilità delle atlete davanti al richiamo della maglia azzurra,
che deve essere la prima cosa e il primo aspetto veramente importante
da cui partire”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares