Vocesport.com
Home

Carpi-Salernitana 3-3 (7-6 d. R.). Il sogno di Torino si spegne dal dischetto.

CARPI (3-5-2): Colombi; Vitturini, Capela, Poli; Jelenic, Verna, Pasciuti, Saric (1′ st Concas), Pachonik (8′ st Malcore); Nzola, Mbakogu. A disp: Serraiocco, Romano, Mezzoni, Anastasio, Saber, Mbaye. All: Calabro.

SALERNITANA (4-3-3): Adamonis; Pucino, Tuia, Bernardini, Vitale; Ricci (12′ Odjer), Della Rocca, Minala; Rosina, Bocalon, Zito (22′ st Alex). A disp: Iliadis, Perico, Adejo, Mantovani, Schiavi, Signorelli, Sprocati, Kadi, Roberto. All: Bollini.

Arbitro: Sig. Claudio Gavillucci di Latina (Vivenzi/Lo Cicero); IV uomo: Aureliano.

NOTE. Marcatori: 2′ pt Minala, 32′ pt Zito (S), 27′ st rig. Malcore, 33′ st Concas (C), 1′ pts Bocalon (S), 13′ pts Nzola (C); Sequenza rigori: Rosina (S) PARATO, Mbakogu (C) GOL, Minala (S) GOL, Malcore (C) GOL, Bocalon (S) PARATO, Jelenic (C) PARATO, Tuia (S) GOL, Nzola (C) GOL, Vitale (S) GOL, Concas (C) GOL; Ammoniti: Pasciuti, Vitturini, Nzola (C), Minala, Ricci, Adamonis, Tuia, Perico (S); Espulso: Laurioli (ds Carpi) al 5′ sts per proteste; Angoli: 8-5; Recupero: 1′ pt – 3′ st – 2′ pts – 0′ sts; Spettatori: 1093 di cui 84 da Salerno.

Partita al cardiopalma, quella che è andata in scena a Carpi tra la formazione emiliana e la Salernitana. La squadra granata parte subito forte e piazza un “uno-due” terrificante con Minala(di testa su calcio d’angolo) e Zito su azione avviata da Bocalon e rifinita da Rosina, a fungere da mattatori di cui giornata. Nella ripresa il Carpi riduce le distanze su calcio di rigore dubbio di Malcore per poi pareggiare i conti con Concas. La Salernitana dopo aver subito l’onda della rimonta reagisce subito è colpisce un palo con Rosina. Al termine dei 90’si va ai supplementari con Bocalon che sigla la Terza rete della gara(seconda stagionale). Sembra fatta ma non è così perché il Carpi riaciuffa nuovamente il pareggio con Nzola. Si va alla lotteria dei rigori con Rosina e Sprocati che si lasciano ipotizzare dal dischetto. Il Carpi si regala Torino ed il passaggio del turno. Alla Salernitana l’onore delle armi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares