Vocesport.com
Home

Prima pietra miliare, la difesa: Bernardini e Tuia i pilastri . Bittante e Schiavi verso l’addio

Le fortune di un campionato risiedono tutte nell’impenetrabilità difensiva. La squadra granata quest’anno ha dimezzato le reti subite rispetto al debutto in B della compagine del duo Lotito-Mezzaroma, grazie all’ottimo rendimento avuto da Alessandro Bernardini in coppia con Alessandro Tuia. I due perni del reparto centrale difensivo a disposizione di Bollini saranno confermati anche per la prossima stagione: per l’ex Livorno è già pronto il rinnovo contrattuale. All’ombra dei due “titolarissimi” continuerà a crescere l’ex capitano della Primavera del Torino, Valerio Mantovani avente un contratto che lo lega al club di via Allende fino al prossimo 2020. Luigi Vitale, padrone incontrastato della corsia mancina è già blindato fino al 2019. Sulla corsia opposta, invece, dovrebbe essere riconfermato anche Gabriele Perico: l’ex Cesena è legato alla Salernitana da un altro anno di contratto. Luca Bittante, in prestito con diritto di riscatto dall’ Empoli, non sarà riconfermato in granata.  Viaggia verso l’addio Raffaele Schiavi: il centrale di Cava dè Tirreni in due anni ritornato all’ombra dell’Arechi, complice l’infortunio grave patito nella scorsa stagione, ha disputato in totale appena 25 gare di campionato in maglia granata che, tuttavia, non hanno inciso sul proprio ingaggio a scalare verso l’alto di anno in anno come pattuito tra le parti, partendo da una base cospicua  di 250 mila euro e che dal prossimo anno raggiungerà i 275.000 euro. Proprio tale aspetto economico dell’eccessiva onerosità dell’ingaggio percepito dall’ex difensore di Lecce e Padova, potrebbe costituire un ostacolo insormontabile per un’eventuale cessione a società terze, eventualmente interessate. Al momento la risoluzione del vincolo ancora in essere per un’altra stagione, resta l’unica opzione possibile per la separazione tra le parti. Per quanto attiene, invece, il ruolo di estremo difensore, Alfred Gomis farà ritorno al Torino, pronto a ritornare in granata solo nel caso in cui non riuscirà a coronare il sogno di conservare la massima serie. Terracciano, invece, non sarà riscattato dato che l’esercizio dell’opzione di rinnovo automatico sarebbe stata esercitata dal club granata solo in caso di promozione in massima serie. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares