Vocesport.com
Home

Salernitana-Avellino: la moviola. Giusto il rosso a Bidaoui. Nessun rigore su Castaldo

La terna arbitrale composta dal direttore di gara sig. Pinzani, assistito da Prenna e Cicconi è stata all’altezza della situazione senza alcun margine di dubbio. Il fischietto toscano ha distribuito equamente cartellini gialli ed il rosso ai danni del calciatore bianco-verde Bidaoui. Nella circostanza l’esterno offensivo dell’Avellino per un tentativo di condotta violenta su Perico merita di avviarsi anticipatamente negli spogliatoi. Giuste anche le ammonizioni per Zito (che ritarda nella circostanza la fuoriuscita dal campo), Perico e Minala.  Per quanto attiene l’episodio cristallizzato nella seconda frazione di gioco nell’area di rigore della Salernitana, che ha visto protagonisti Castaldo e Zito, il direttore di gara non ha sbagliato a non concedere il penalty reclamato dai bianco-verdi: sul colpo di testa di Castaldo, il tocco con il braccio ravvicinato del centrocampista granata non lascia spazio alcuno nel valutare la volontarietà dell’ex di turno di beneficiare nell’occasione, indebitamente, di effettuare l’estensione del corpo punita da regolamento severamente. Dulcis in fundo, regolare appare il goal del vantaggio siglato da Massimo Coda che per effetto di un assist vincente in no look di Alessandro Rosina, scatta regolarmente sulla linea del fuorigioco per poi “uccellare” Radunovic con un destro di controbalzo, l’estremo difensore irpino nell’angolino basso alla propria destra.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares