Vocesport.com
Home

Di Bari ” Premio valorizzazione per la promozione del Foggia?Assolutamente no”

 A margine della pubblicazione concernente il futuro dirigenziale della Salernitana, la notizia relativa al premio di valorizzazione in favore della società di via Allende, per effetto della cessione al Foggia del giocatore Alan Empereur, è stata in primis posta sugli altari della cronaca dallo stesso direttore sportivo Angelo Mariano Fabiani, il quale, intervenendo nel corso della trasmissione sportiva Goal Su Goal in onda su Lira Tv aveva tassativamente affermato in merito ai surplus conseguiti dalle cessioni dei calciatori ” Abbiamo dato il giocatore Empereur  a 250.000 più 50 mila euro che il Foggia dovrà corrispondere alla Salernitana in caso di promozione in serie B”. Ebbene, interpellato in materia, il diesse del Foggia Di Bari ha smentito categoricamente il proprio collega con un laconico “assolutamente no. La Salernitana ha diritto al 10% dall’eventuale vendita di Empereur ad altra squadra”.Tradotto in soldoni, il Foggia non deve alcunchè alla Salernitana come premio valorizzazione di Empereur per la promozione in serie B, secondo quanto affermato dallo stesso direttore sportivo dei rosso-neri, ma solo un corrispettivo per l’eventuale cessione del calciatore ad un’altra formazione secondo quanto affermato dal diesse Di Bari . Nessun attacco personale, nessuna volontà di raccontare qualcosa di differente dai fatti. Il contratto pubblicato attraverso i canali preferenziali della comunicazione, sancisce quanto affermato dal direttore sportivo della Salernitana, cozzando in parte con quanto sostenuto dalla parte del Foggia. Provando ad ascoltare le due campane, emerge una differenza che, tuttavia, non toglie nulla all’operazione in se portata a termine dalla Salernitana. Diamo conto delle due verità raccontate dalle persone direttamente interessate. Quella fattuale e concreta, invero, la conoscono solo loro..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares