Vocesport.com
Home

Comunicato redazionale: Negando l’accredito non si “acquista” credito verso l’opinione pubblica

La redazione di Vocesport.com, tutta, prende le distanze dall’insana prassi dell’U.S. Salernitana di adottare provvedimenti “ad personam”, immotivati e restrittivi del diritto di cronaca. Questa volta il destinatario è risultato essere il nostro Direttore Responsabile, Ennio Carabelli, subordinato all’ennesimo atto restrittivo adottato ad hoc per colpire quella parte degli organi di informazione che, con grande dedizione e deontologia, provano a raccontare i fatti,derogando dagli stereotipi e dalle parole al miele volte ad ottenere “privilegi” e favori redazionali. Vocesport è da sempre – e lo sarà sempre- vicino alle sorti della casacca granata grazie al lavoro ed alla passione di un gruppo volto con grande sacrificio, a destinare la migliore informazione possibile senza filtri né condizionamenti: raccontando la notizia così com’è, senza alcun fine né tornaconto personale. L’inconsulto atto di negazione dell’accredito in parola, ostativo non solo del diritto di cronaca, bensì del diritto al lavoro, cristallizzato nell’art.1 dalla nostra Costituzione, rappresenta (nostro avviso), l’ennesima manifestazione dell’assenza in loco di una società che da due anni, al netto di una cavalcata vincente dalla quarta serie al professionismo, mostra di cullarsi su di una fluttuazione latente tra la terra ferma e le acque reflue della bassa classifica. Se questo è il prezzo da pagare per raccontare i fatti, evidenziare la carenza di programmazione palesata dal modus-agendi della società granata, vale la pena cogliere l’attimo per sottolineare la necessità in seno alla società granata di registrare lo stile della comunicazione(?) assunta da una compagine chiusa a riccio ed in grado di trincerare il gruppo in una sorta di “bunker”. D’altronde, se Salerno è l’unica città al mondo ove non sia possibile il contraddittorio nelle conferenze stampa di presentazione dei tesserati o, peggio ancora, nel corso degli incontri infrasettimanali costituenti la semplice regola, ma divenuti l’eccezione nella città capoluogo; Se ad oggi, i tesserati della formazione granata, su indicazione della società, sono soliti disertare nei post-gara la sala stampa, by-passando gli organi d’informazione non appartenenti al circuito degli “esclusivisti”, il revisionismo storico della gestione dei rapporti con i mass-media, imporrebbe per il presente ed il futuro un attento e necessario “esame di coscienza”. Vocesport, pertanto, in occasione del match di Domenica prossima, resterà suo malgrado fuori dalla normale e quotidiana attività lavorativa, chissà a vantaggio di chi o di cosa: per l’ennesima volta ha perso la stessa Salernitana, giacchè non è certo con l’oblazione degli accrediti ai giornalisti “dissenzienti”, che la società granata riuscirà ad “acquistare” maggiore credito verso l’opinione pubblica. Quella stessa che vuole, desidera, soltanto essere informata. Per l’appunto.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares