Vocesport.com
Home

Salta l’elezione del presidente di Lega A. Lotito out al 1° round

Giornata infausta per Claudio Lotito. Adriano Galliani al vertice di un “plotone” di ben sei dissenzienti, in rappresentanza di Juventus, Roma, Milan, Inter, Napoli e Fiorentina, ha abbandonato i lavori dell’assemblea di Lega, tenutasi quest’oggi in via Rossellini, manifestando tutto il proprio dissenso, in particolar modo per quanto concerne l’atavica questione concernente i diritti televisivi.
Con tale decisione, il co-patron di Lazio e Salernitana vede, al momento,svanire i propri desiderata, consistenti nell’investitura di Beretta a neo presidente della Lega A a cui far seguire la propria elezione alla guida dei club di B onde poter entrare dalla porta di servizio al consiglio federale
“Non è possibile trovare una soluzione e andare avanti con i lavori, noi rappresentiamo l’80 per cento dei tifosi in Italia – queste le parole proferite da Adriano Galliani, raccolte dal quotidiano La Gazzetta.it- La governance è una foglia di fico, il problema è come al solito la ripartizione dei diritti televisivi. Il commissariamento? Non è affar nostro. Vadano avanti i club rimasti al tavolo, se vogliono andare avanti… Di certo non potranno decidere su questioni economiche, che sono preponderanti, perché ci vogliono 15 voti”
Di fatto, la seduta odierna programmata per l’elezione del nuovo presidente della Lega di Serie A è saltata e potrebbe accadere lo stesso per quanto concerne la Lega dei club cadetti. Tale presa di posizione dei più prestigiosi club italiani, potrebbe portare al commissariamento della Lega Calcio, così come paventato dal presidente del Coni, Malagò “Il sottoscritto non è amico di nessuno, ma leggo che ci sono ancora dei divari sulle politiche sportive da portare avanti. Se non si provvederà nei tempi prefigurati dalle norme, il commissariamento sarà indispensabile“.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares