Vocesport.com
Home

Final Eight Coppa Italia: rigori fatali per l’Under 21.

Final Eight Coppa Italia: rigori fatali per l’Under 21. Gli azzurrini cedono il passo all’Asti dopo essere stati in vantaggio fino a quattro minuti dalla sirena

S’infrange ai quarti di finale il sogno Coppa Italia dell’Under 21 del Lollo Caffè Napoli. La squadra di mister Fabio Oliva esce sconfitta dalla lotteria dei rigori contro l’Asti, dopo il 2-2 maturato nei tempi regolamentari. Gli azzurri, che devono fare a meno di Molaro, partono forte e vanno in vantaggio con Varriale, che batte Zanchetta con un tiro che diventa velenoso grazie ad una deviazione. L’Asti ribatte colpo su colpo e agguanta il pari con Fazio. Il Napoli non si disunisce e, grazie alla costante capacità di ribaltare l’azione, esce benissimo sulle bande laterali, trovando la rete del 2-1 con capitan Canneva. L’unico neo di una prima frazione molto positiva è il bonus falli, che gli azzurri raggiungono troppo presto. Nel finale di tempo, però, la dea bendata salva Bellobuono sul tiro libero di Catalano che timbra il palo. Si va al riposo sul 2-1 per gli azzurri. Nella ripresa le squadre non riescono a tenere i ritmi a volte addirittura forsennati della prima frazione: ne beneficia il Napoli che, pur rischiando in qualche frangente e salvandosi grazie ad un super Bellobuono, tiene bene il vantaggio. Manca però il guizzo per chiudere la gara e così, a quattro minuti dalla sirena, Curallo trova la rete che allunga il match ai calci di rigore. Le esecuzioni di Varriale ed Orvieto vanno a bersaglio. La palla che scotta è sui piedi di capitan Canneva che calcia fuori, con la sequenza che si chiude a vantaggio dell’Asti, prima semifinalista della competizione. Il sogno degli azzurri finisce subito, ora testa e cuore ai playoff per proseguire il cammino verso il tricolore
SALA STAMPA Con la semifinale sfumata a quattro minuti dalla fine, non può che esserci rammarico nelle parole di mister Oliva, che comunque elogia i suoi ragazzi per il percorso compiuto: “E’ chiaro che siamo un po’ dispiaciuti, ma è giusto essere realisti ed ammettere che oggi non abbiamo giocato come volevamo per tutta la gara – commenta il tecnico -, bene la prima frazione, nella ripresa siamo un po’ calati ed in qualche frangente non abbiamo scelto la soluzione di gioco migliore. Il bilancio però non può che essere positivo. I rigori rappresentano sempre una lotteria, e non dobbiamo dimenticarci che siamo arrivati a questa manifestazione con una defezione importante come quella di Molaro, con alcuni giocatori non al meglio o diffidati. Anche questo ci ha condizionato. Questo gruppo sta facendo una grande stagione, forse anche oltre quelle che sono le reali possibilità, con buona parte del roster ancora in età da Juniores. Oggi ben otto su dodici erano sotto età. Il nostro è un progetto di crescita a lungo termine e questa esperienza sicuramente ci servirà per migliorare. Ora torniamo a concentrarci sui playoff, con l’obiettivo di arrivare il più lontano possibile nella corsa scudetto”.
LOLLO CAFFE’ NAPOLI-ASTI 4-5 d.t.r. (2-2 al 40′, 2-1 p.t.)
NAPOLI: Bellobuono, Galuccio, Tiago, Avolio, Canneva, Orvieto, Rennella, Varriale, Cretella, Mennella, Nuzzo, Vicidomini. All. Oliva
ASTI: Zanchetta, Curallo, Ghouati, Itria, Meyer, Torino, Occhiena, Monda, Catalano, Vitellaro, Fazio, Solaro. All. Patanè
MARCATORI: 4’52” p.t. Varriale (N), 5’36” Fazio (A), 9’33” Canneva (N), 15’16” s.t. Curallo (A)
AMMONITI: Cretella (N), Orvieto (N), Ghouati (A), Canneva (N)
NOTE: al 18’50” p.t. Catalano (A) colpisce un palo su tiro libero
SEQUENZA RIGORI: Curallo (A) gol, Varriale (N) gol, Catalano (A) gol, Orvieto (N) gol, Torino (A) gol, Canneva (N) fuori
ARBITRI: Marco Pizzica (Bologna), Fabio Pozzobon (Treviso) CRONO: Gabriele Gerardi (Pescara)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *