Vocesport.com
Home

Lollo Caffè Napoli: gli azzurri riprendono la corsa. 3-3 in rimonta in casa del Came Dosson

Lollo Caffè Napoli: gli azzurri riprendono la corsa. 3-3 in rimonta in casa del Came Dosson, nel segno di Andrè Ferreira. Mister Cipolla: “Grande reazione, punto guadagnato”

Il Lollo Caffè Napoli riprende la corsa playoff. Gli azzurri, sotto di due gol a Treviso contro il Came Dosson, trovano la rimonta con la doppietta di Andrè Ferreira e vanno vicini alla vittoria nel finale. Venerdì sera, in diretta su SportItalia, si torna a Cercola per la sfida alla Lazio.

LA CRONACA Mister Cipolla deve rinunciare ai nazionali Crema e Manfroi. Difende in pali Pasculli, all’esordio da titolare in questa stagione. Completano il quintetto Bocao, Davì, De Luca e De Bail. La prima occasione è napoletana e porta la firma di Davì, che va vicino al gol del vantaggio. Poi è il turno di Bocao, che vede Miraglia fuori dai pali e prova a beffarlo con una genialata. Il lob, però, si ferma sulla traversa. Dopo l’avvio di marca azzurra, il Came sale in cattedra e costruisce i presupposti per il vantaggio che arriva all’8’, dopo un’azione insistita chiusa in rete da Belsito. Il Napoli accusa il colpo, con in padroni di casa che provano a raddoppiare prima con Crescenzo (fuori di poco), e poi con Alemao che centra il palo. L’inerzia del match cambia nuovamente al tramonto della ripresa quando il Napoli spinge sull’acceleratore e con Fornari trova il pareggio su calcio di punizione (minuto 17). La ripresa comincia con una chiusura tempestiva di Pasculli su Belsito, poi la combinazione tra Davì e Fornari non trova la strada del gol. Boaventura prova a mettersi in proprio e dopo una serie di finte coglie il palo. E’ il prologo al nuovo vantaggio locale, firmato ancora da Belsito, abile a capitalizzare una ripartenza. Il Napoli è stordito ed un minuto e mezzo dopo subisce anche il tris, ad opera di Vavà che trova un buco nel cuore della difesa e beffa Pasculli. La reazione immediata di Andrè è intrisa di rabbia, ma non vale il 3-2. Bellomo, col Napoli a trazione anteriore centra il palo ed a 9’ minuti dalla fine mister Cipolla si gioca la carta del portiere di movimento per scuotere i suoi e rimettere in carreggiata la partita. E’ Andrè, come col Pescara, a riaccendere la speranza al termine di una circolazione di palla fluida e precisa, che porta il numero 16 solo davanti a Miraglia per il 3-2. Il Came, però, è tutt’altro che guardingo e va nuovamente vicino al doppio vantaggio. Ci vuole un doppio miracolo di Bocao, che prima si materializza sul sinistro di Bellomo, deviandolo sulla traversa, e poi si sdraia sul tap in da distanza ravvicinata scacciando il pallone in angolo a porta vuota. Il pericolo scampato dà la scossa agli azzurri che ricominciano a caricare a testa bassa in cerca del pari, che arriva al 13’, ancora con Andrè in versione uomo in più. La sua doppietta vale il 3-3. Nel finale il Napoli, ormai in fiducia, prova addirittura a vincerla restando in campo col quinto di movimento. Le occasioni non mancano, con Davì e Fornari vicini al 3-4, ma il risultato non si schioda. Finisce in parità, con gli azzurri che riprendono la marcia playoff ed ora attendono la Lazio venerdì sera al Palazzetto dello Sport di Cercola (diretta su Sportitalia)

SALA STAMPA “E’ un punto guadagnato – ammette il tecnico azzurro Francesco Cipolla al termine del match – non era facile ottenere un risultato positivo per come si era messa la partita e per il fatto che oggi siamo scesi in campo senza Manfroi e Crema, due dei nostri migliori giocatori in fase offensiva. Sul 3-1 abbiamo scelto di provare la carta del portiere di movimento anche se mancavano quasi 10 minuti, l’abbiamo fatto con pazienza, pareggiandola, e alla fine abbiamo anche rischiato di vincerla. Quindi non posso che essere soddisfatto della reazione dei ragazzi. Avevamo la necessità di tornare a far punti, per muovere la classifica ma soprattutto per ritrovare fiducia nei nostri mezzi e riprendere slancio dopo un periodo difficile in termini di risultati. Stasera- prosegue Cipolla – la squadra ha saputo soffrire e compattarsi, venendo fuori molto bene nella seconda parte di gara. Ripartiamo da qui, con la volontà di trovare al più presto la scintilla che possa rimetterci in moto definitivamente, già venerdì sera davanti al nostro pubblico, contro la Lazio. Sono convinto che se torniamo a ragionare da squadra operaria ed umile, curando con maggiore attenzione la fase difensiva e recuperando tutti gli effettivi, possiamo presto riprendere la nostra marcia. La classifica è ancora buona, siamo quarti in coabitazione con l’Acqua&Sapone e domani c’è lo scontro diretto, quindi possiamo restare in alto. Dobbiamo essere positivi, stasera abbiamo dimostrato di essere un grande gruppo”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares