Vocesport.com
Home

Balli “Terracciano deve migliorare in quei fondamentali che portano punti”

“Ciò che facevo io ai miei tempi, ora va incredibilmente di moda: Uscire di testa, appoggiare la sfera di testa ai compagni. Giocare spesso il pallone al limite dell’area di rigore. Ora sono tutti movimenti che un portiere moderno non può non possedere nel proprio repertorio”. Queste le parole pronunciate da Daniele Balli, storico estremo difensore dei granata negli anni d’oro della Salernitana, intervenuto nel corso della trasmissione “Assist oltre il 90”. “Il sottoscritto è stato anche fortunato. Quando giocavo, infatti, ero già stato preparato in funzione della regola relativa al retropassaggio volontario del giocatore di movimento al portiere. Per quanto concerne Terracciano, è necessario che in breve tempo si perfezioni nelle uscite. Un estremo difensore moderno deve sempre migliorare nella presa della sfera e rilanciare il più velocemente possibile quest’ultima per far ripartire l’azione. Ora anche al Milan cominciano ad osservare il portiere allorquando esce, calcia e blocca il pallone. Terracciano deve migliorare in queste qualità poichè sono proprio quest’ultime che consentono all’estremo difensore di portare in dote quei sei, sette punti che in serie B fanno la differenza. Tuttavia per valutare un portiere occorre attendere la fine della stagione”. Dulcis in fundo il ricordo indelebile della partita di Piacenza “Beh, che dire:Ancora brucia quel pareggio. A fine partita ricordo che negli spogliatoi entrarono due personaggi a fare l’antidoping e penso che in relazione a quella particolare circostanza, anche loro, a distanza di ormai tanti anni, ricorderanno le parole che gli abbiamo detto e mi limito a questo”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *