Vocesport.com
Home

Per svoltare, la parola d’ordine è osare

dsc_9097“Chi non risica non rosica”… L’antico proverbio calza a pennello per l’attuale momento vissuto dalla Salernitana. Che è squadra combattiva, tenace, avente in se stessa ben inculcato il culto del sacrificio, ma che al contempo non risulta essere in grado di osare. In particolare, manca all’undici granata quel coraggio, determinante in determinati frangenti per poter chiudere le partite in proprio favore, stroncando sul nascere le velleità dell’avversario. Ieri sera al “Del Duca” la Salernitana non ha saputo sfruttare le occasioni da rete, mancando di quella “cattiveria agonistica” necessaria per colpire un Ascoli tutt’altro che trascendentale ed alla portata di Coda e compagni. Sarà per la stanchezza, sarà in parte per il turnover, sarà che il lavoro in fase di non possesso palla svolto dagli attaccanti richiede un sacrificio tale da rendere la mente nebulosa negli ultimi sedici metri: di fatto, la Salernitana nelle ultime partite è innegabile che sia affetta da “pariggite” per l’incapacità di spingere sull’acceleratore fare quel quid in più che legittimerebbe il successo. Chi non osa non può vincere: la Salernitana in quel di Brescia avrebbe potuto conquistare tre punti se solo in luogo di Odjer si fosse trovato Donnarumma, tenuto incredibilmente in panchina da mister Sannino. Con la Virtus Entella, la formazione granata ha concesso ma al contempo creato, salvo poi accontentarsi nell’ultimo quarto d’ora di gara, senza mai “rischiare” di vincerla. I tre pareggi consecutivi ed i dodici punti in undici partite, pongono la Salernitana nel limbo: nè carne nè pesce. Per svoltare, dare un senso alla stagione, secondo i desiderata e gli obiettivi dichiarati dalla stessa società, bisogna pur divincolarsi da alcuni vincoli tattici, buttando il cuore oltre l’ostacolo. La politica dei piccoli passi in un campionato lungo come la B può fruttare solo se seguito da successi. Per vincere, tuttavia, bisogna osare, crederci e risultare essere cinici nei momenti più propizi del match. Osare ,tutto ciò che la Salernitana fino ad ora non è stata in grado di fare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares