Vocesport.com
Home

La pretattica di Sannino. Il tecnico prova i “i tre tenori”, ma con l’Entella è tempo di conferme

dsc_4155La settimana della pretattica. Il tecnico di Ottaviano già nel corso della settimana di lavoro che condusse i granata alla difficile trasferta di Brescia, provò a mischiare le carte e confondere le idee a giornalisti ed occhi indiscreti, salvo poi confermare modulo ed uomini in grado di assicurare quattro punti in due gare di campionato. Sabato al cospetto della Virtus entella, il tecnico granata proverà a calare il tris (per la prima volta in campionato) facendo leva sulla medesima formazione scesa in campo nei precedenti 180^. L’equilibrio tattico raggiunto con l’impiego di Improta sulla corsia laterale, la sicurezza offerta da Luiz Felipe al reparto arretrato e l’esperienza di Perico in difesa lasciano pensare che al cospetto dei liguri, mister Sannino confermerà in blocco la difesa schierata negli ultimi due turni di campionato. A cascata saranno confermate le medesime scelte per la mediana e l’attacco: nella zona nevralgica, in particolare, Odjer tornerà di nuovo a giocare dal 1^ per effetto della squalifica di Busellato. In tal senso risulta essere impossibile se non quasi impossibile immaginare che Sannino possa rinunciare alle geometrie di Della Rocca ed alla qualità di Antonio zito. Eppure nel test infrasettimanale con la formazione Primavera, il tecnico granata ha mischiato le carte, inserendo quale mezz’ala Alessandro Rosina con Donnarumma e Coda in attacco. Prove tecniche di formazione, esperimenti che non faranno derogare il trainer granata dall’intenzione ormai acclarata di confermare il medesimo modulo e gli stessi undici che da due gare a questa parte, hanno assicurato rendimento e continuità di prestazioni. Il tempo degli esperimenti effettuati nelle prime giornate di campionato è ormai terminato, con la Virtus Entella ci sarà solo tempo e spazio per confermare e consolidare le certezze acquisite dal gruppo negli ultimi 180^. Martedì nel frattempo si rigioca, ma questa è tutt’altra storia..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares