Vocesport.com
Home

La Cavese espugna il Piccirillo. Ora sotto con la Frattese

caveseLa Cavese espugna il “Piccirillo” e con il minimo sforzo porta a casa la qualificazione ai sedicesimi di finale di Coppa Italia. Un Gladiator che deve come sempre fare la conta degli indisponibili, infatti oltre allo squalificato Manzi, out anche Leone, Brogna, Gabbiano e Del Sorbo. In panchina infatti si è dovuto ricorrere ad un classe 99′ Antonio Di Fiore, terzino della Juniores Nazionale, ex Paganese e Mariano Keller, voluto fortemente al Gladiator dal ds Governucci, che lo ha portato con lui anche nell’esperienza a Matera, giovane di belle speranze. La prima azione degna di nota, arriva al 17′ con un tiro di Odiena da lontano che sfiora il palo. Al 27′ la Cavese passa in vantaggio. Alleruzzo in area ci prova, sulla palla c’è Patella, ma Maraucci nel tentativo di intervenire, cambia la direzione del pallone che finisce in rete. Dopo la rete, più volte la Cavese si affaccia nella metà campo del Gladiator, senza pungere più di tanto. Nella ripresa è tutt’altra partita coi sammaritani pronti a recuperare il match. Al 52′ la conclusione di Gatta termina a lato, stessa sorte anche tre minuti dopo, con un calcio di punizione, che se ne incaricata lo stesso n° 4 del Gladiator. Al minuto 57, De Carolis non impensierisce Conti. Stesso anche al 63′, anche se questa volta è Criniti a provarci. Tre minuti dopo e il pallone di Odierna viene bloccato sulla linea dalla retroguardia Cavese. Nei minuti finali è un vero e proprio forcing finale dei locali, ma la fortuna non abita al “Piccirillo”. Al triplice fischio è la Cavese a festeggiare il passaggio del turno.

fontE: notiziio calcio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares