Vocesport.com
Home

Giacomarro: “Questa Turris può giocare solo col 3-5-2, ma deve imparare la mia lingua”

mister-giacomarroDebutto dal sapore particolare per mister Giacomarro sulla panchina della Turris, dovuto all’infortunio che ha colpito il direttore di gara e costretto a sospendere il match ad un passo dallo scadere. Il trainer siculo parte proprio dall’episodio finale: “Turris graziata dall’arbitro? Direi proprio di no! Vorrei vedere altre squadre costrette a giocare in 10 l’ultima mezz’ora, con l’assillo del dover vincere a tutti i costi perché reduci da due sconfitte. Diciamo che sono sì contento della sospensione, ma soltanto perché mi dà più tempo per lavorare. Faccio comunque un plauso ai ragazzi, perché provare a cambiare testa e modo di giocare in soli 4 giorni non è facile”.

LA PRESTAZIONE – “La squadra ha dimostrato che fino alla trequarti riesce a fare bene. Bisogna migliorare la fase d’attacco, che ritengo il mio cavallo di battaglia. Ma ci vuole tempo, qualità e pazienza. Quest’oggi ad esempio non sono soddisfatto della prova degli attaccanti, che sono stati poco incisivi. Sia Tarallo che Varriale andavano troppo in profondità. Quando l’avversario si schiera a specchio, serve qualche giocata in più in fase di attacco. In difesa abbiamo rischiato qualcosina soltanto quando siamo passati a 4, per di più con l’uomo in meno. Ho optato per il 4-3-2 per provare a vincerla, nonostante l’inferiorità, ed in quel frangente ho sostituito Tarallo perché ha sbagliato 5-6 palle di seguito. E con me chi sbaglia esce. Quando non c’è spazio le punte devono tenere palla e lavorare alle spalle. A tal proposito non è accettabile che uno dal metro e 90 come Tarallo non ci riesca. E’ ovvio poi che dobbiamo aiutarlo. Ad ogni modo almeno nei primi 20 minuti ho visto una squadra ripartire palla a terra, cosa che francamente nelle prime 6 partite non ho mai visto. Le palle lunghe non fanno parte del mio credo calcistico”.

IL MODULO – Interessanti le considerazioni di Giacomarro sul modulo adottato: “Per me questa rosa può giocare solo con il 3-5-2. Nei primi due allenamenti ho provato il 4-4-2 ma ho visto molta confusione, con la sola palla in avanti per la spizzicata di Tarallo. Anche perché come esterni per questo modulo c’ho solo Palumbo. Invece con la difesa a 3 posso sfruttare le qualità di Di Girolamo e De Gol, che sono molto bravi nel costruire gioco. Nel nostro piccolo oggi abbiamo mandato un paio di volte a conclusione o al cross sia Barbiero che Somma. Ovvio che poi ci voglia maggior qualità nel concludere l’azione, altrimenti è tutto inutile. Inoltre per giocare in questo modo ci vuole intensità, cosa che noi abbiamo ancora a sprazzi”. Sull’adattamento di Palumbo nel 3-5-2: “Per me in questo modulo può fare bene sia da interno di centrocampo che da seconda punta. Uno che c’ha il passo diverso dagli altri può sempre giocare tra le linee. Situazione simile l’ho vissuta a Termoli con D’Angelo, che in questa posizione ha realizzato 10 gol e 13 assist. E’ normale che Palumbo non avrà la potenza aerobica di un De Rosa, ma possiede comunque tante altre qualità per agire da mezzala”.

TRA SINGOLI E MERCATO – “Danucci? Non bisogna fossilizzarsi su quanti passaggi sbaglia o fa bene. Se troviamo un metodista più forte di lui, lo schiero interno di centrocampo. Ma io adesso ho questa squadra e vado avanti così. Anche perché sono contentissimo della rosa a disposizione, che però deve imparare a parlare la mia lingua. La mia squadra deve giocare a calcio sempre e comunque, anche nei momenti di difficoltà. Sono venuto a Torre per divertire e divertirmi! Certamente non posso pretendere tutto e subito, è difficile cambiare subito chip a chi è abituato da tempo a giocare in un certo modo. Il mercato? Nell’immediato mi piacerebbe prendere un paio di under. Noi ne abbiamo 8 in rosa e non c’è chi potrebbe giocare come terzo di difesa. Potrei adattare Barbiero, mentre Gallo ha il piede un po’ ruvido e potrebbe trovare delle difficoltà in quel ruolo. Gli over invece sono 13, di più non ne posso chiedere”.

.

fontE;: tuttoturris

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares