Vocesport.com
Home

“Bomber di scorta”. Della Rocca per la prima volta in carriera ha scoperto il feeling con il goal

dsc_4120jOra è ufficiale: Della Rocca comincia a prenderci gusto. Il centrocampista granata, ultimo arrivato della campagna trasferimenti estiva, sta vivendo a Salerno un inizio stagione del tutto particolare e singolare. All’ombra dell’Arechi l’ex Bologna, Palermo e Perugia si è scoperto centrocampista con il “vizio” del goal, quello stesso che nel corso della propria carriera è venuto a mancare nonostante le buone doti balistiche intrinsecamente riconosciutegli dagli addetti ai lavori. Invero, quest’ultime, sono apparse quali nascoste, almeno fino al al match con il Vicenza ove il centrocampista di Brindisi ha bagnato l’esordio dal 1^ all’Arechi con una pregevole rete di testa, messa a segno sugli sviluppi di un calcio d’angolo, salvo poi ripetersi ai danni del Benevento. Questa volta da rapace d’area di rigore su assist di Zito, Della Rocca spalle alla porta ha anticipato il tocco di Coda, insaccando la sfera nell’angolino basso alla destra di un’incolpevole Gori. Il centrocampista ha dunque scoperto di avere nelle corde un buon gruzzoletto di reti che al momento nonostante il ruolo di mediano, gli ha consentito di raggiungere il medesimo numero di goal messi a segno singolarmente da Coda e Donnarumma. Eppure tale rapporto proficuo con la porta avversaria è sempre stato un difetto ascritto in campo al forte centrocampista, militante in passato in massima serie ed in formazioni di blasone senza mai riuscire a timbrare il cartellino. L’unica volta che Della Rocca ha conosciuto la gioia del goal risale al match di Lega Pro del 28 Febbraio 2010 tra Perugia e Cremonese, che per altro segnò il proprio debutto con la maglia del grifo. Il bomber di scorta, ingaggiato dal Perugia sul gong della campagna trasferimenti quale mezz’ala di sinistra, sta finalmente riscoprendo quel senso di opportunismo e cinismo negli inserimenti in area di rigore avversaria, costituente una caratteristica importante per far esplodere il proprio talento rimasto fino ad ora in grado di emergere solo a metà…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares