Vocesport.com
Home

Bacca per il dopo Higuain: numeri impressionanti del colombiano

bacca 2C’è chi lo vede come un tradimento, chi invece come l’opportunità per arricchirsi e rinforzare la squadra. L’unica cosa certa è che ora, i tifosi azzurri, dovranno abituarsi a vedere il Napoli senza Gonzalo Higuain. E’ chiaro che non sarà facile accettarlo, il “Pipita” ha comunque scritto una pagina di storia con questa maglia. Ma il popolo napoletano ha vissuto anche altri addii, di certo non avrà problemi a ripartire ed esultare ai gol di un altro centravanti. E molto dipenderà anche da chi arriverà per sostituire Gonzalo Higuain. E se fosse Carlos Bacca? E’ questa l’idea più concreta, l’uomo immediatamente pensato dal Napoli per sostituire il “Pipita” in questa calda estate. Un attaccante che, nell’ultima Serie A, ha addirittura fatto meglio di Gonzalo Higuain se parliamo di media gol per tiro. L’argentino ha segnato sì 36 gol, battendo lo storico record di Gunnar Nordahl in un’ultima partita epica contro il Frosinone. Ma Carlos Bacca ha segnato 18 gol in un Milan di certo non spettacolare, tirando appena 59 volte contro le 144 di Higuain. Una differenza enorme, favorita anche dal diverso rendimento delle squadre in cui i due attaccanti hanno giocato. Il “Pipita” è stato favorito dal gioco di Sarri, che gli ha permesso di esprimersi come mai era riuscito a fare. Bacca, invece, ha giocato in un Milan che ha sempre avuto difficoltà nel creare occasioni da gol. Nonostante questo, nella speciale classifica della media di gol per tiri, il colombiano è primo per distacco. Battuto soltanto dall’interista Mauro Icardi se consideriamo soltanto i tiri nello specchio della porta. Queste statistiche fanno ben sperare, il passato del colombiano pure. Perché l’ultimo ricordo che si ha di Bacca prima del trasferimento al Milan è datato 27 maggio 2015. Varsavia, finale di Europa League contro quel Dinipro che aveva fatto piangere il Napoli in semifinale: Siviglia campione grazie ad una doppietta del suo centravanti colombiano. Che quella coppa al cielo l’aveva alzata anche l’anno prima, segnando il suo rigore nella lotteria decisiva contro il Benfica. Nell’esperienza spagnola 49 gol in 108 partite, numeri importanti anche con la maglia del Siviglia che lo aveva preso dal Club Brugge. E pensare che a 20 anni questo colombiano con un innato fiuto del gol lo si vedeva in Colombia sugli autobus. Vendeva i biglietti, invitava la gente a salire. Perché almeno, per quel lavoro, lo pagavano ed allora il giovane Carlos preferiva fare questo piuttosto che andare agli allenamenti. E prima? Lavorava in una pescheria con il padre, da sempre il suo primo tifoso. Il calcio professionistico Bacca lo ha conosciuto soltanto a 23 anni, e a quel punto sì che si è dedicato soltanto al pallone. Partito da Barranquilla, la città di Shakira. Ma non aspettatevi un Bacca ballerino, no. Lui bada alla concretezza, è un ragazzo tranquillo che negli anni ha fatto sacrifici e che probabilmente non ha ancora finito di migliorare. Dopo Emery a Siviglia e la parentesi Mihajlovic-Brocchi a Milano, magari il suo prossimo maestro potrebbe essere Maurizio Sarri. Che però non ha espresso la sua preferenza per il colombiano, ritenendolo non idoneo al suo gioco. Il Napoli si guarda attorno, valuta. E chissà che non toccherà proprio a Carlos Bacca provare a spazzare via il ricordo di Gonzalo Higuain.
fontE: tuttonapoli/mario lubrano laverda il roma

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares