Vocesport.com
Home

Sofian Lagzir:dal Miranda Sanseverino alla serie A del Marocco

sofi3“Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso”. Mai detto fu più adatto per descrivere la storia di Soufiane Lagzir, talento marocchino trapiantato a Salerno (a Castiglione de’ Genovesi per la precisione) dall’età di 12 anni con un solo obiettivo: sfondare con un pallone tra i piedi. Non è stato affatto facile, in preda agli intrecci burocratici che ne hanno frenato a più riprese la corsa ma non la voglia di arrivare. Ora la svolta giusta sembra davvero essere arrivata, tornando proprio nella terra che gli ha dato i natali, con la maglia della squadra per cui ha sempre tifato: il Raja Casablanca con cui proverà dopo essere finito nelle mira del Difaa El Jadidi. Ma andiamo con ordine: i primi passi per strada e con la Don Bosco Isidoriana lo aiutano ad inserirsi nella nuova realtà, tra mille sacrifici per donare un sorriso ai familiari. Superati i primi intoppi di natura amministrativa, dopo una breve parentesi all’Intercasali, colleziona magie su magie con la maglia dell’allora Miranda Sanseverino nel campionato di Promozione, attirando su di sè l’attenzione di osservatori e club professionistici. L’Equipe Salerno lo accoglie così nel suo ritiro estivo, aprendogli le porte dell’Aversa Normanna in Lega Pro ma il suo status di extracomunitario gli impedisce di fare il grande salto. L’occasione si materializza comunque a dicembre del 2015 quando il Chieti lo accoglie nella famiglia neroverde e a suon di prodezze balistiche si farà eleggere atleta dell’anno. Nonostante l’exploit in terra teatina, le difficoltà per Sofien non accennano a finire e per non perdere un anno calcistico cede alla corte del Fenegrò (Eccellenza lombarda) dove entra subito nel cuore di compagni, società e tifosi, conducendo la compagine comasca a ridosso dei play-off (foto ilsaronno.it). Un’altra stagione sopra le righe e numerose formazioni, specie del Nord, chiedono informazioni su di lui ma a spuntarla è il Mosta Fc, noto club della serie A maltese: “Ero pronto per affrontare quest’avventura – rivela Lagzir – ma poco dopo è venuta fuori quest’occasione a cui non potevo dire di no, anche grazie ad un agente che collabora con numerosi team di serie B in Francia. Per me è un sogno giocare nella squadra della mia città, il Raja Casablanca, e visto che vogliono vedermi e mi danno la possibilità di provare con loro per me significa tutto: è l’occasione che aspettavo da una vita. So che devo tutto al mio agente e so che questa volta sono in buone mani”. Comunque andrà sarà un successo, le porte della Botola Pro (equivalente della nostra Serie A) si spalancano per un sognatore che non si è mai arreso (mai lo farà) e vede finalmente il traguardo a portata di mano.

fiontE: notiziario calcio/ Davide Maddaluno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares