Vocesport.com
Home

Prende forma l’Avellino di Toscano

toscano avellinoL’Avellino si è buttato alle spalle la prima ondata di ufficializzazioni. Sul tramonto della settimana scorsa la società biancoverde ha provveduto a formalizzare gli accordi con il difensore del Pescara Marco Perrotta, l’esterno destro dell’Inter Niccolò Belloni, entrambi ingaggiati a titolo temporaneo con diritto di riscatto e contro riscatto, e l’attaccante Idrissa Camarà, a titolo definitivo dalla Correggese. I tre si aggiungono a Stephane Omeonga, centrocampista ex Anderlcht che ha firmato un biennale con i lupi. Nei prossimi giorni l’Avellino provvederà ad annunciare almeno altri tre colpi in entrata. Domani potrebbe essere la volta di Isaac Donkor, difensore classe ’96 in prestito dall’Inter, mentre mercoledì dovrebbe toccare al doppio arrivo dall’Atalanta: il portiere serbo Boris Radunovic, classe ’96 e il laterale mancino Patrick Asmah, classe ’97.

Sette nuovi arrivi, a fronte delle cessioni ufficiali di Maxim Francois Giron alla Reggiana e Andrea Arrighini al Cittadella, entrambi in prestito. Senza dimenticare gli addii dei fine prestito e fine contratto (Bianco, Pucino, Pisano, Chiosa, Nica, Bastien, D’Attilio, Insigne, Joao Silva). Alla luce dei primi movimenti di mercato prende forma l’organico biancoverde per la prossima stagione. Ma cosa manca a questo Avellino?

Per quanto riguarda la batteria dei portieri, l’Avellino sembra essersi messo al sicuro. Pierluigi Frattali vestirà i gradi di titolare, alle sue spalle agiranno Radunovic da secondo e, probabilmente, Daniel Offredi da terza scelta. In difesa gli arrivi di Perrotta e Donkor si amalgameranno alle riconferme di Marco Migliorini, William Jidayi e Davide Biraschi. Cinque difensori, sei, considerando Angelo Rea. Se dovesse andar via il centrale di Pomigliano d’Arco (piace alla Paganese), la dirigenza biancoverde potrebbe completare il reparto con un elemento esperto. Il nome caldo è quello di Alejandro Gonzalez, ex Ternana di proprietà del Verona.

A centrocampo, per ciò che concerne il reparto mediani, si interverrà solo nel caso in cui Angelo D’Angelo dovesse accasarsi altrove. Altrimenti il capitano completerebbe il settore con i riconfermati Mariano Arini e Fabrizio Paghera e il neoacquisto Omeonga, senza dimenticare Jidayi che potrebbe anche essere avanzato di qualche metro. A destra, nel 3-4-3, agirà Davide Gavazzi, con Belloni valida alternativa. A sinistra c’è il giovanissimo Asmah e Pietro Visconti, fino a qualche settimana fa in odor d’addio. Probabilmente si pescherà sul mercato un esterno mancino di gamba. In ritiro Toscano valuterà Alessandro Sbaffo, ma le chance di riconferma del centrocampista marchigiano sono ridotte al lumicino.

Capitolo attacco. Accantonate le piste che portavano ad Adrian Stoian, Filippo Falco, Alexandru Mitrita; raffreddata quella per Leonardo Gatto. Gli interventi sul mercato saranno due: la prima scelta sembra essere Mattia Aramu, manca la seconda. Al centro Benjamin Mokulu e Luigi Castaldo si giocheranno la titolarità, mentre Camarà completa il reparto che presto saluterà Francesco Tavano (rescissione) e Mohamed Soumarè (cessione in prestito).

fontE: tuttoavellino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares