Vocesport.com
Home

DUE PRINCIPATI IN B1

Due Principati in B1 - la fotoDUE PRINCIPATI IN B1
Al tie break, di nuovo in trasferta, come l’anno scorso ad Aversa. Al tie break, al termine di una gara infinita, la Due Principati piazza con Abbruzzo in primo tempo il colpaccio che vale la promozione in serie B1 femminile di pallavolo. Pianti di gioia e caroselli a Palau. «Un sogno che si avvera», dice Franco Montuori, il presidente che per scaramanzia ha annodato fortissimo al suo collo la cravatta rossa griffata P2P, regalatagli dalle atlete nella festa di Natale. La Due Principati è nella pallavolo che conta e l’ha meritato. Ha sbancato il Pala Ginestre di Capo d’Orso Palau in sofferenza ma con una fame incredibile, dopo aver compromesso tutto (o quasi) perché s’era fatta rimontare dallo 0-2 al 2-2. E’ finita, ha vinto la squadra che ha meritato.
La cronaca. Due Principati subito con le marce alte in avvio di primo set: al primo time out tecnico, Baronissi in vantaggio (4-8) con battuta nelle mani di Anna Pericolo, autrice di un ace. Il capitano perde il servizio, complice un errore in attacco di Armonia, ma picchia subito dopo sulle mani del muro, bucando l’opposizione di Baldelli. Poi si fa perdonare anche Armonia mettendo giù il pallone del +5 per la P2P (5-10). Armonia passa anche in occasione del dodicesimo punto: lo mette a segno Gagliardi in tap-in ma c’è la complicità della schiacciatrice procidana nell’affondo da posto 4 che la difesa di Palau trattiene a fatica. Due colpi consecutivi di Pericolo, in diagonale e in pallonetto, spingono Baronissi sul +9 (5-14) e costringono il coach delle sarde, Guidarini, a rifugiarsi nel nuovo time out. La Due Principati è in totale controllo del set ma si fa rosicchiare subito 4 punti: pipe della sarda Cucchiarini ma tre errori punto di Armonia (2) e Gagliardi in fast. Così Veglia interviene nel time out e fa la voce grossa. Si respira dopo l’invasione a muro fischiata a Palau, Gagliardi sbaglia la battuta ma Armonia brucia Baldelli in pallonetto e porta la P2P sul +6 al secondo tempo imposto (10-16). Poi concede il bis per l’11-18, piazzando il pallone alle spalle del muro. Passa anche Caputo, mulinando il braccio destro per il 13-21. Chiusura di Stefania Abbruzzo in primo tempo (18-25) dopo uno scambio lunghissimo che Baronissi tiene in vita con due difese ravvicinate e sontuose di Pericolo e Lanari.
Nel secondo set, P2P subito avanti con Armonia(3-4) rimessa in moto da un’altra difesa superlativa di Lanari, d’istinto, dopo il muro di Palau sulla stessa Armonia. Due Principati avanti 5-8 al primo time out tecnico. Il doppio timbro di Pericolo sul 7-10 (mani fuori) e 7-11 di Baronissi (ace). Ruggisce del Vaglio a muro su Cucchiarini (9-14) e il coach delle galluresi spezza il gioco col time out. Ancora a muro, dopo il bel diagonale di Armonia, la Due Principati afferra il punto del 12-16, quello del secondo tempo imposto. Lunghissima l’azione del 17-24, chiusa da Caputo di precisione. Il 17-25 è dietro l’angolo.
Nel terzo set, Palau avanti di un punto al tempo tecnico (8-7). Baronissi impatta a quota 9, 10, 11 e 12, poi sorpassa con Gagliardi a muro e schizza sul +2 ancora a muro. Scarto conservato al secondo tempo imposto (14-16), perché non si chiude nella metà campo di Palau la combinazione al centro Sintoni-Menardo. Cucchiarini annulla tutto con l’aiuto del nastro (16 pari). Coach Veglia predica calma ma Palau passa al comando (20-17) e il tecnico salernitano ricorre al time out. Baronissi prova a rientrare ma sul 23-19 viene fischiato un fallo in attacco a Caputo. Gagliardi annulla il primo dei cinque set point di Palau ma Pericolo manda out il lungolinea successivo e le sarde mettono le mani sul parziale (25-20).
Nel quarto set, 14-16 P2P al tempo imposto e poi 17-21 – e time out Palau – complice l’attacco delle sarde sul nastro. Pare fatta ma Palau rimonta e s’impone ai vantaggi per 27-25.
E’ tutto in salita, le gambe tremano, il cuore batte forte ma Baronissi piazza la spallata decisiva e vola nel salotto buono del volley. 10-15: la B1 è realtà.

9 giugno 2016 Ufficio Stampa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares