Vocesport.com
Home

Zazzaroni twitta ” Ho il sospetto che sfavoriscano il Lanciano per favorire la Salernitana”

zazzaroni (1)Il veleno nella coda, iniettato a 24 ore dalla fine di un’incandescente giornata di campionato  (l’ultima) da parte di un giornalista nazionale: nella fattispecie trattasi di Ivan Zazzaroni, noto opinionista della “Domenica Sportiva”, che derogando dalla deontologia professionale, abusando dello strumento social, si permette il lusso di sparare a zero, inculcando la cultura del sospetto per la celerità della Procura Federale, a seguito dell’errore clamoroso costato la restituzione dei tre dei cinque punti comminati inizialmente al Lanciano, di presentare ricorso d’urgenza dinnanzi al vecchio Tnas. La velocità nei tempi per la particolarità del caso che sta di fatto falsando la lotta salvezza proprio non è andata giù al noto opinionista, che senza pensarci su, senza neppure conoscere il nocciolo della questione, si permette di twittare ” forte il sospetto che l’accanimento sul Lanciano (Procura Coni mai così Celere) nasca dalla volontà di salvare la Salernitana di Lotito”. Che, aggiungiamo noi, in quel di Cagliari, nonostante una prestazione indecorosa, ha subito ennesimi torti arbitrali per effetto di ammonizioni comminate senza alcuna equità di trattamento ai giocatori granata e per un calcio di rigore solare non fischiato in favore di Pestrin allorquando la gara era ancora sul risultato di 1-0 in favore dei sardi. Senza poi ricordare i termini della questione relativa al caso Lanciano, Zazzaroni piuttosto che criticare sulla base delle voci o indiscrezioni, avrebbe dovuto studiare meglio, informarsi, per poi dire la sua, magari in un contesto differente dai social. In questo modo, piuttosto che ballare con le stelle,  il giornalista s’è arrampicato sugli specchi non ha facendo altro che incrementare i sospetti, apponendo la classica benzina su di un fuoco già piuttosto alimentato. A volte quel diavolo per capello (Zazzaroni ne ha molti) può fare davvero brutti scherzi…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares