Vocesport.com
Home

Frattese – Vibonese 1-0

fratteseFrattese: Rinaldi, Capaldo, Della Monica, Costanzo (41’ st Vacca), Tommasini, Varchetta, Ammaturo, Liccardo, Longo, Marotta (49’ st Barbato), Celiento. A disp.: Magliacano, Di Nardo, Calamaio, Maggio, Angelillo, Acampora, Aliperta. All.: Liquidato.

Vibonese: Parisi, Castaldo, Patti (36’ pt Lavilla), Cuomo, Scoppetta, Bertini, Da Dalt, Cosenza, Saraniti, Allegretti, Scapellato. A disp.: Petrachi, Paviglianiti, Crucitti, Puntoriere, Garat, Calemme, Ferrario, Duguet. All.: Di Maria.

Arbitro: Gualtieri di Asti.

Marcatore: 46’ st Tommasini.

Note: Al 30’ pt espulso Varchetta per fallo da ultimo uomo. Ammoniti Longo, Tommasini, Allegretti, Castaldo. Spettatori 800 circa.

La Frattese accede alla finale playoff al termine di una gara emozionante e combattuta, sbloccata (meritatamente) quando i supplementari sembravano dietro l’angolo. Merito di una squadra che in questa lunga e appassionante stagione ha impresso un ritmo incredibile tra le mura amiche. Con questa vittoria, i successi allo Ianniello, teatro di mille battaglie, salgono a diciotto su diciannove gare disputate. Uno score eccezionale, che consente ai nerostellati di giocarsi la finale playoff domenica prossima contro la Cavese, in un “rematch” della gara di domenica 8 maggio.

Squadre al completo, con le formazioni-tipo per entrambe le compagini. Parte bene la Frattese che già al 10’ va vicina al gol con Longo che per poco non tramuta in rete l’assist di Della Monica dalla sinistra. Al 19’ bella azione manovrata della squadra di casa che porta Liccardo alla conclusione, ma la palla termina alta. Al 30’ l’episodio che ha cambiato la gara. Tommasini viene ostacolato da Allegretti, l’arbitro lascia correre ed è Varchetta a provare il tutto per tutto ma commette fallo da ultimo uomo. Rosso diretto per il difensore partenopeo e Frattese in dieci uomini. Nonostante l’inferiorità numerica Liquidato tiene in campo i “tre tenori” Marotta, Longo e Celiento, reinventandosi completamente la linea difensiva, spostando Ammaturo sull’out destro e Capaldo su quello opposto. Al centro, al fianco di Tommasini, va Della Monica. Il nuovo assetto funziona, anche se a pochi minuti dall’intervallo è la Vibonese ad approfittare di una errata uscita palla al piede della retroguardia frattese ma non riesce a pungere efficacemente.

Nel secondo tempo sono ancora i ragazzi di Liquidato a tenere il campo con grande personalità. Il mister campano è un fiume in piena e addirittura fa da direttore d’orchestra anche per i tifosi, incitando i circa 800 supporters accorsi allo Ianniello a spingere la squadra in un momento di sofferenza.

E proprio nel finale, quando le squadre sembravano già rassegnate a disputare l’extra time, è Tommasini, stoico in questa gara, a fiondarsi in avanti e a raccogliere la sponda di testa di Longo. La sua conclusione ravvicinata sblocca il match e fa esplodere di gioia tifosi e panchina nerostellata. Una festa proseguita anche negli spogliatoi. La Frattese è in finale e contro la Cavese si giocherà una fetta importante in chiave ripescaggi. Solo la vincente del playoff di girone, infatti, potrà accedere alla griglia valevole per un posto nella “Serie C” che verrà.

Vincenzo Piscopo Ufficio Stampa Frattese Calcio

Al termine della gara mister Liquidato non sta nella pelle: “è stata una vittoria incredibile, ragazzi eccezionali, non trovo aggettivi. Questi calciatori sono stati encomiabili. Partita tirata, voglio solo elogiare i miei ragazzi perché la gara si era messa subito male per l’espulsione di Varchetta. In dieci uomini abbiamo concesso poco o nulla, ci abbiamo creduto fino alla fine e l’abbiamo vinta con merito. Ora la finale con la Cavese, un avversario che rispettiamo e che merita di giocarsi con noi questo traguardo. Siamo state sempre lassù, appaiate assieme al Siracusa, ed è giusto che siamo noi e loro a giocarci questo atto conclusivo”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares