Vocesport.com
Home

Menichini a Novara con l’enigma del modulo.

DSC_4110Ci risiamo…. A Novara, il tecnico Menichini sarà condizionato dall’ennesimo dubbio amletico ricadente sullo spartito tattico. La formazione granata, invero, con il passaggio al 4-4-2 ha mostrato una maggiore fluidità e linearità di manovra, peccando per deficienze e carenze individuali nella fase difensiva, costata ai granata punti importanti nonostante il buon numero di reti messe a segno dalla coppia Coda-Donnarumma. Al “Piola” il tecnico di Ponsacco sarà nuovamente invaso da una miriade di dubbi volti da risolvere al fine di ottenere una maggiore solidità difensiva e compattezza di squadra. L’assenza di Odjer per squalifica, priverà il tecnico di Ponsacco del miglior centrocampista a disposizione, complicandone e non poco i piani . La buona notizia, tuttavia, è data dal ritorno dalla Nazionale di  Oikonomidis, elemento che va ad aumentare il ventaglio di scelte per il centrocampo, in special modo sulle corsie laterali, in particolar modo a seguito dell’infortunio muscolare lamentato da Andrea Nalini nel corso dello sfortunato ed isterico match perso con il Bari. Mettendo in soffitta il 4-3-3 – più di posizione che espressione del reale credo tattico “menichiano”-, la Salernitana in terra piemontese potrebbe nuovamente far ritorno al 4-4-2. In difesa, le imbarazzanti condizioni di Ceccarelli e le amnesie difensive di Franco e Rossi sull’out mancino, potrebbero indurre il tecnico ad impiegare il rientrante Colombo a destra con Empereur adattato e bloccato sulla corsia mancina. Nel cuore del reparto arretrato, in tal caso, tornerebbe a far coppia con Bernardini, il difensore croato Ricardo Bagadur, in via di guarigione dall’infortunio muscolare che gli ha fatto saltare le gare con Perugia e Bari. In mediana, complice l’assenza di Odjer, il rientrante Moro potrebbe far coppia con Ronaldo, tenuto in naftalina da Menichini nel match con il Bari in favore di Pestrin. Sugli esterni in tal caso, agirebbero Gatto e Zito con Coda affiancato da uno tra Donnarumma e Bus. In caso di conferma del 4-3-3 (al momento alquanto improbabile), in mediana accanto a Ronaldo nella posizione di play-maker giocherebbero Bovo ed uno tra Zito e Pestrin. Difficile se non impossibile l’impiego in contemporanea ai lati dell’ex Empoli di Gatto ed Oikonomidis. In attacco, invece, il tridente sarebbe completato da Donnarumma e Gatto ai lati dell’unica punta Coda. Insomma, nonostante la Pasqua di resurrezione, sarà per Menichini l’ennesima settimana di passione nel corso della quale occorrerà spremersi le meningi per trovare la soluzione tecnico-tattica più idonea ad evitare quegli strafalcioni difensivi costati fino ad ora punti importanti per la lotta salvezza.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares