Vocesport.com
Home

Sanità-Summa Rionale Trieste 2-2

DSC03135Sanità Calcio:

Esposito Pietro, Milo, Palumbo Piercarlo, Massaro, Piccolo Gianluigi, Barone (78’ Palumbo Pierfrancesco), D’ Ario (87’ Arena), Buonfante, Di Maio, Fabozzi, Frattini (58’ Nacci)

A disposizione: Lombardo, Arrichiello, Lo Bascio, Mango

Allenatore: Cuomo / Vitolo

Summa Rionale Trieste:

Ruopolo, Russo, Bianco, Giustiniani, Capasso, Piccolo Luigi (17’ Indolfi Raia), Cantone (78’ Allocca), Pondo, Guarnaschelli, Rapuano (74’ Vecchione), Regina

A disposizione: Marra, Di Palma, Raffone, Ardolino

Allenatore: Milano

Arbitro: Cascone di Ercolano

Angoli: 4-0

Ammoniti: 89’ Buonfante (SC) 34’ Guarnaschelli e 91’ Bianco (SR)

Espulso: 64’ Di Maio (S) per doppia ammonizione

Recupero: primo tempo 1 minuto, secondo tempo 3 minuti

Marcatori: 9’ Pondo e 44’ Rapuano (SR) 46’ Di Maio e 68’ D’ Ario su rigore (SC)

Spettatori: 20 circa

Al “San Gennaro dei Poveri” la sfida tra Sanità Calcio e Summa Rionale Trieste termina con un salomonico pareggio per due a due, al termine di una bella gara giocata su ritmi altissimi e piena di capovolgimenti di fronte, pareggio come detto giusto, in quanto le due squadre si sono divise equamente le frazioni, nella prima frazione la parte dei padroni l’hanno fatta gli ospiti che sono andati al riposo sul doppio vantaggio, nella seconda frazione reazione rabbiosa dei locali che prima accorciano le distanze, e poi seppur in inferiorità numerica pareggiano su rigore.

Passando alla cronaca partenza a razzo delle due formazioni, infatti, al 1’ Pondo scatta sulla dx, e calcia appena dentro l’area, ma è strepitosa la risposta di Esposito Pietro che respinge e poi la difesa spazza, sul capovolgimento di fronte D’ Ario s’invola sulla sx, ma la sua conclusione è stoppata da Ruopolo che gli esce in contro, sulla ribattuta è lesto Di Maio, che scarta il portiere, ma poi incredibilmente da pochi metri in posizione centrale con porta sguarnita calcia fuori, tra lo stupore generale, all’8’ i vesuviani passano in vantaggio con Pondo, che servito dalla ¾ centrale calcia al volo dal dischetto, sulle ali dell’entusiasmo gli ospiti sfiorano il raddoppio all’11’ sempre con Pondo che a tu per tu con il portiere avversario dal vertice basso sx gli calcia addosso, la Sanità si scuote dallo shock al 25’ quando Di Maio al termine di un’azione personale iniziata sulla sx, dopo essersi accentrato calcia dal limite centrale impegnando in una parata in due tempi Ruopolo, al 39’ capitan Buonfante da vero leader parte dalla difesa e con un coast to coast sulla dx sfiora il palo dal vertice basso, ma nel proprio momento migliore doccia fredda per i locali che in chiusura, esattamente al 44’ subiscono la rete del raddoppio ad opera di Rapuano che realizza da centro area.

Nella seconda frazione cambio radicale dei locali che scendono in campo motivatissimi, dopo 30’’ colpiscono una traversa con Massaro che calcia dai 20 metri centrali, al 46’ accorciano le distanza con Di Mio che realizza dal vertice basso sx, la rete galvanizza i locali che però subiscono un brutto colpo al 64’ quando viene espulso per doppia ammonizione Di Maio, ma nonostante l’inferiorità numerica riescono a pervenire al pareggio al 68’ con D’ Ario che realizza un calcio di rigore concesso per un fallo di Indolfi Raia su Palumbo Piercarlo, il pareggio ha un duplice effetto sulla Sanità Calcio, infatti, da un lato si getta ancor di piu’ in attacco alla ricerca dell’incredibile sorpasso, ma dall’altra si espone al contropiede vesuviano, in una di queste ripartenza all’81’ Guarnaschelli è servito all’altezza del vertice lato dx, ma la sua conclusione al volo si stampa sulla traversa, l’ultima emozione di una gara piacevole è per i locali al 90’ con Fabozzi ma il suo tiro dai 20 metri centrali, termina alto.

Termina dunque due a due la sfida tra Sanità Calcio e Summa Rionale Trieste, un pareggio strappato con grinta e orgoglio dai locali che sono scesi in campo con una formazione molto giovane viste le moltissime assenze, infatti, tra infortuni e squalifiche mancavano, Avolio, Coppola, Calise, Di Pauli, Campese, Formato e Migliore, ai quali si aggiungono Mango e Lo Bascio presenti in panchina solo per onor di firma, un pareggio che avvicina i vesuviani alla salvezza matematica, viceversa allontana forse definitivamente dalla lotta play-off i locali.

Edgardo Spiezia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares