Marcolin: “Crotone, avversario giusto al momento giusto”

marcolin avellinoVigilia di Avellino-Crotone. Il neotecnico dell’Avellino, Dario Marcolin ha presentato la sfida ai pitagorici in conferenza stampa. Rivivi il live su TuttoAvellino.

Poco tempo a disposizione, ha lavorato più sulla testa che sulla tecnica: che chance ha l’Avellino contro il Crotone?

“Ci sono tanti modi per scendere in campo, noi dobbiamo raggruppare tutte le componenti giuste. Abbiamo avuto poco tempo per lavorare , ma questo non vuol dire niente. Ai miei calciatori ho chiesto l’atteggiamento giusto, qui c’è la storia e abbiamo la responsabilità di far bene. Più l’avversario è grande e più bello sarà vincere”.

C’è da aspettarsi qualche novità nel suo Avellino?

“Qualche novità si vedrà. Io però non sono cosiì concentrato sul modulo. Sono concentrato sull’atteggiamento e sulla voglia di far bene, poi col tempo esce fuori la bravura dell’allenatore. Voglio vedere l’orgoglio e la cattiveria. Per essere affamati e fare risultato faccio leva sull’orgoglio. Posso andare a toccare nella loro testa quella base d’orgoglio che dovrà essere riscoperto. Per quanto riguarda la condizione fisica occorrerà tempo…”.

Ha già valutato Jidayi a centrocampo? Il Crotone è il migliore o peggiore da affrontare?

“Jidayi lo vedo pronto a qualsiasi evenienza, da difensore o centrocampista. Non sono uno che cambia tanto, ma cerco sempre di dare delle certezze nella fase difensiva e a centrocampo. Il Crotone è la squadra migliore da affrontare per noi. Le altre squadre si chiudono di più, mentre il Crotone lascia qualche spazio per ripartire. La concentrazione è al massimo”.

Ha lavorato molto sull’assetto difensivo?

“I due difensori centrali per me devono essere forti fisicamente, l’esempio è il Leicester. Voglio esterni di gamba e una linea difensiva che lavori insieme”.

Da calciatore, dopo un periodo di prova, fu stesso lei a rifiutare il contratto con l’Avellino?

Ringrazio la società per l’occasione. Feci la mia scelta, avevo quasi 36 anni e mi dissi che sarebbe stato inutile continuare a giocare e inizia a fare corsi da allenatore. Dopo dieci anni la vita ti rimette di fronte le stesse occasioni e vanno sfruttate.

Crotone con problemi in attacco? Cosa si aspetta dai calabresi?

A mio avviso credo che il Crotone possa giocare con Torromino a destra, Stoian a sinistra e Palladino al centro. Bisogna però capire cosa possono dare i seguenti calciatori nelle posizioni in campo.

Come vede l’attacco biancoverde?

Bisogna lavorare anche davanti, non solo in difesa.

fontE: tuttoavellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *