Vocesport.com
Home

Ronaldo, Martedì è il giorno buono? Oikonomidis e Prce: mix di gioventù tra gli elefanti

ronaldo_pompeu_da_silva-584x480Piccola frenata nella trattativa per l’ingaggio del centrocampista brasiliano Ronaldo, che vede Claudio Lotito impegnato nella doppia veste di presidente di Lazio e Salernitana. Il procuratore del calciatore, Giuffredi, ha sottolineato più volte come le parti abbiano attorno al tavolo di concertazione abbozzato un accordo, ma che quest’ultimo non sia ancora stato definito: tutt’altro. L’inserimento del Chievo e la volontà dell’Empoli di non perdere il giocatore a parametro zero ha di fatto prorogato i tempi di definizione della trattativa che entro Martedì prossimo dovrebbe giungere ad una conclusione con buona pace di Torrente, che attende con impazienza il calciatore. Sempre dalla Lazio, in assoluta distonia con la politica societaria adoperata appena sei mesi fa, giungeranno l’esterno offensivo greco, ma avente nazionalità australiana, Oikonomidis ed il difensore croato Prce (leggi qui le dichiarazioni dell’agente). Trattasi di due virgulti in attesa di germogliare definitivamente per le potenzialità più volte manifestate in tutta la trafila giovanile. Concluse tali operazioni, la Salernitana proverà a risolvere il problema relativa ai terzini: Pisano e Braafheid al momento restano le uniche e sole idee possibili per potenziare le corsie laterali dopo il “no” secco e reiterato di Luca Ceccarelli. In stand-by le trattative in essere per le cessioni di Perrulli (Benevento?) e Sciaudone(Spezia?) per il quale la Salernitana è in attesa della migliore offerta da parte delle numerose pretendenti, che negli ultimi giorni di mercato si sono poste alla finestra, manifestando interesse a prelevare il calciatore ex Catania e Bari, senza apporre sul piatto della bilancia denaro contante. Eusepi, infine, è ormai da considerarsi virtualmente un nuovo attaccante del Pisa di mister Gattuso. Affinchè la cessione si concretizzi è necessario che il calciatore ridimensioni le proprie pretese economiche, frutto di un ingaggio superiore ai 180 mila euro che la formazione toscana non è in grado di assicurargli.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *