Vocesport.com
Home

Torrente ripensa al 4-3-1-2. Dubbio Sciaudone. Riecco Donnarumma. Pollace verso l’esordio

DSC_7531
Mister Torrente ha tratto buone indicazioni dalla trasferta di Pescara. Dalla gara con gli abruzzesi il trainer di Cetara non ha potuto fare altro che constatare le non perfette condizioni fisiche di Bovo e Sciaudone. L’ex Bari, seppur schierato in una posizione più vicina alla porta avversaria, da trequartista, non ha brillato. Moro, infine, nel ruolo di mezz’ala fatica e non poco. Con la Ternana, alle prese con il cambio tecnico dopo le dimissioni irrevocabili presentate da Toscano, c’e’ la possibilità di una riconferma del modulo 4-3-1-2 in funzione delle condizioni fisiche di alcuni elementi in rosa. In tal caso Sciaudone potrebbe essere confermato tra le linee. Diversamente, qualora Torrente dovesse riproporre il 4-3-3, l’ex centrocampista del Catania sarebbe in ballottaggio con Andrea Bovo per una maglia da titolare. A disposizione di Torrente, rispetto alla gara di Pescara, ci sarà anche Donnarumma. Qualora il tecnico granata volesse accantonare, per il momento il 4-3-3, potrebbe adottare un ulteriore sistema di gioco che prevederebbe, per effetto del rientro dell’ex Teramo, il passaggio al 4-2-3-1. In tal caso,  Moro affiancherebbe Pestrin in mediana con Donnarumma e Gabionetta ed uno tra Bovo e Sciaudone, liberi di spaziare alle spalle dell’unica punta. Coda resta ancora in vantaggio su Eusepi, ma l’ex Benevento ha mostrato di essere più in palla ed un cambio last-minute in tal senso non sarebbe una possibilità da scartare a priori.In difesa, invece, tutto confermato: il rientrante Lanzaro sostituirà lo squalificato Schiavi, mentre sull’out destro scalpita Pollace che potrebbe rilevare uno stanco e fin qui irriconoscibile Colombo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *