Vocesport.com
Home

Amichevole: Furax 2010 – Sanità Calcio 2 – 1

received_10206400326118398[1]Furax 2010 – Sanità Calcio 2 – 1

Furax 2010:

Primo Tempo: Mele, Rinaldi, Romeo, Truglio, Paternostro, Triscuoglio, Cacace, Genovese, Frattini, Furgiero, Ruiu

Secondo Tempo: Mele, Truglio, Romeo, Rinaldi, Pirone (38’ Genovese), Fonticelli, Furgiero, Cacace, Ruiu, Monaco, Cutillo

A disp: Conforti

Allenatore: Fuso

Sanità Calcio:

Primo Tempo: Lombardo, Milo, Palumbo Piercarlo, Buonfante, Di Pauli (20’ Calise), Formato, Coppola Antonio, Arena, De Stefano, Marsiglia, D’ Ario

Secondo Tempo: Lombardo, Mango, Arnone, Mazzone, Massaro (35’ Fabozzi), Avolio, Coppola Salvatore, Nacci, Palumbo Pierfrancesco, Fabozzi (25’ Pugliese), Arrichiello (29’ Piccolo)

A disp: Tallarino

Allenatore: Cuomo / Vitolo

Angoli: 6-5

Ammoniti: nessuno

Reti: 33’ Rinaldi (F) 27’ st Arnone (S) 42’ Genovese (F)

Note: primo tempo 38’, secondo tempo 45’

Nel memorial “Antonio Luciano” disputato sul campo “Gaetano Scirea” a Capodichino brutta sconfitta sul piano del risultato della Sanità Calcio che perde per due a uno contro un’ottima e coriacea Furax 2010, tuttavia gli ospiti non hanno demeritato, hanno pagato sfortuna e imprecisione sotto porta, infatti, 2 salvataggi sulla linea a portiere battuto e un palo è l’emblema di questa sfortunata gara, e la ciliegina sulla torta è la rete che ha deciso la gara subita quasi allo scadere su un infortunio del portiere Lombardo, che fino a quel momento era stato impeccabile.

Riavvolgendo il film della gara come da logica, vista la differenza di categoria, la partita è fatta dalla Sanità Calcio che al 7’ s’invola con Arena sulla fascia dx, ma la sua conclusione appena dentro l’area è smorzata dal portiere e salvata sulla linea da un difensore locale, la Furax 2010 risponde al 13’ con un tiro centrale dal limite dell’area di Furgiero che termina lato, dopo quest’azione riprende l’attacco a testa bassa della Sanità Calcio, che colleziona occasioni a raffica, nell’ordine, al 15’ Palumbo Piercarlo vede il portiere fuori dai pali, ma il suo pallonetto dall’out sx in prossimità dell’area di rigore è salvato sulla linea da un difensore avversario, al 16’ D’ Ario parte palla al piede sulla sx, entra in area si accentra e tira dal dischetto, ma la conclusione è parata a terra, al 23’ Coppola Antonio su un perfetto assist dalla ¾ anticipa di punta con perfetto tempismo il portiere locale, ma la sfera termina incredibilmente a lato facendo la barba al palo, al 24’ D’ Ario da centro area riprende una respinta della difesa calciando di prima intenzione, ma la sfera termina alta, proprio nel momento migliore arriva la beffa, infatti, la Furax 2010 al 33’ passa in vantaggio con Rinaldi che risolve una mischia a centro area, calciando in rete una respinta della difesa.

Nella seconda frazione subito occasione per gli ospiti con Coppola Salvatore al 7’ che colpisce il palo direttamente da calcio d’angolo, nonostante lo svantaggio il pallino del gioco passa in mano ai locali, che vanno vicino al raddoppio in due occasioni, al 11’ Rinaldi impegna Lombardo in una deviazione in corner su punizione calciata dalla dx, e al 16’conttropiede sulla dx dell’esterno locale, ma la sua conclusione da centro area è parata a terra, la Sanità in questa fase non produce azioni degne di nota, tuttavia un lampo di classe del giovanissimo Arnone, al 27’ mette in parità l’incontro, è bravo l’esterno a segnare con un bel tiro al volo da centro area dx, la rete stranamente spegne lo spettacolo, ma non l’agonismo, infatti, la gara inizia ad essere più maschia e valida dal punto di vista caratteriale, in tale contesto occasioni da rete latitano, ma proprio sul finire quando oramai sembrava scritto il pareggio, la Furax 2010 passa in vantaggio al 42’ con Genovese, la cui facile e forse innocua punizione dalla ¾ dx termina in rete beffando un incerto (solo nell’occasione) Lombardo. Termina dunque 2 a 1 per i locali che hanno sorpreso per qualità e intensità di gioco, viceversa la Sanità Calcio è ancora molto appesantita dai carichi di lavoro di questi giorni, tuttavia ci sono ottime individualità e buone prospettive.

Edgardo Spiezia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares