Vocesport.com
Home

Breda al 76′. Kutuzov e Calvaresi per i lupi. Ganci decisivo nell’ultimo derby. Il valzer riparte a distanza di sei anni.

DSC_5148
Sfottò, riti propiziatori, ricordi dei tempi che furono e delle gare segnate da ricordi indelebili, negativi o positivi a seconda dei punti di vista e dei colori. Partite avvincenti, emozionanti, al cardiopalma, come quella che nel 2003-2004 al “Partenio” regalò ai bianco-verdi di Zeman una vittoria al 94′ dopo uno-due terrificante di Kutuzov, in grado di spazzare via i fantasmi di una retrocessione annunciata per i “lupi”. All’andata, invero, fu l’albanese Eryon Bogdani a salire in cielo e siglare il goal partita. Andando a ritroso nel tempo non può sfuggire il ricordo mai sbiadito della stagione 1990/1991, segnata dal goal del pareggio di Ceramicola dopo l’iniziale autorete di Lombardo. Nella stagione 1995-96 il derby si colorava di bianco-verde nei due confronti in campionato: all’andata siglò la rete della vittoria Calvaresi con il classico goal della “Domenica”, mentre al ritorno non si andò oltre uno scialbo 0-0.  Ed ancora la rete di Breda al 76′ che consentì ai granata di espugnare il Partenio, vero e proprio vanto della tifoseria salernitana rispetto ai “cugini” irpini, mai in grado di festeggiare con una vittoria il derby a Salerno.L’ultimo precedente a Salerno risale alla stagione 2008/2009, allorquando i granata di Fabio Brini, grazie ad un colpo di testa di Ganci su assist dalla sinistra di Fatic, siglarono una vittoria fondamentale per la rincorsa salvezza, raggiunta soltanto nell’ultima partita di campionato in quel di Mantova. Per l’Avellino fu la stagione della medesima retrocessione in Lega Pro. Cambiano gli scenari, gli obiettivi, i bomber: a distanza di sei anni resta la medesima attesa ed il desiderio di fare entrare nell’albo dei ricordi indelebili una nuova perla in grado di segnare il destino di un derby che negli otto precedenti in serie B ( con due vittorie, quattro pareggi e due sconfitte per parte) è in perfetta parità….

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares