Vocesport.com
Home

Lotito contrattacca. “Nessun coinvolgimento nell’Ordinanza del Giudice di Catania. Vogliono screditarmi”

_DSC8123L’ennesima bufera mediatica ha coinvolto il presidente della Lazio, Claudio Lotito: questa volta al centro dell’attenzione la gara Catania-Avellino rientrante nel filone “Blitz dei treni del goal” e che lo stesso Consigliere Federale avrebbe omesso di denunciare alla procura federale all’esito di una richiesta di alterazione dell’incontro. In una nota Lotito risponde punto su punto alle accuse perpetuate a mezzo stampa: “l’ordinanza del giudice di Catania, alla pag. 468, afferma in modo chiaro che l’ipotesi secondo cui Lotito avrebbe in qualche modo condizionato il risultato della partita Catania-Avellino del 29 marzo 2015 ‘non è stata confermata dalla successiva attività di indagine e cozza logicamente con l’eventuale – ma alternativa – consapevolezza, nei predetti indagati, di avere conseguito l’obiettivo tramite l’attività di quegli intermediari ai quali, in seguito, ebbero invece a rivolgersi sistematicamentè”. Questo passo dell’ordinanza contenuto nelle uniche 10 righe in cui il giudice parla di Lotito“è stato nascosto ai lettori – accusa il numero 1 biancoceleste – essendosi limitato il giornalista a riferire che Lotito non è indagato. L’articolo comunque annuncia come certo il deferimento alla giustizia sportiva” di Lotito, “responsabile di avere parlato con il presidente del Catania in alcune telefonate di cui non è riportato il contenuto, ma che l’autore zelante si affretta a riempire con le sue ‘verita: omessa denuncia, perché a Lotito sarebbe stato, secondo costui, richiesto di alterare il risultato di quell’incontro e il presidente della Lazio non avrebbe denunciato tale richiesta: l’autore zelante annuncia anche la sanzione che gli organi sportivi della Figc dovrebbero infliggere a Lotito, trasformando in anticipazione di notizia la sua nefasta speranza”.
“L’affermazione è letteralmente inventata, frutto della volontà di certa stampa di denigrare in ogni modo Lotito – continua la nota -: le telefonate intervenute con il presidente del Catania hanno avuto ad oggetto aspetti economici che la società siciliana doveva affrontare in quel periodo dell’anno, in merito ai quali Pulvirenti e i suoi collaboratori hanno chiesto consigli a Lotito, autorevole dirigente della Figc”. “Non vi è alcun elemento – conclude – che consenta di affermare che nei colloqui si sia parlato di incontri di calcio del Catania e di condizionamento del loro risultato. L’ovvia reazione giudiziaria di Lotito sarà immediata“.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *